Crisi della General Electric: il Nuovo Pignone tiene

Il colosso è accusato di aver nascosto miliardi di dollari di fatturato

Crollo in borsa nei giorni scorsi per la General Electric, il colosso statunitense della tecnologia è accusato di aver nascosto 38,1 miliardi di dollari di potenziali perdite. La notizia è rimbalzata anche in Italia suscitando preoccupazioni per le aziende che fanno capo alla multinazionale americana. Tra queste c'è anche il Nuovo Pignone di Firenze.

Ieri, in un'intervista alla Tgr Toscana, Daniele Calosi (responsabile metalmeccanici Cgil Toscana) ha detto: "Stiamo seguendo da vicino la situazione finanziaria della casa madre, nel caso ci attiveremo anche con il ministero, il Nuovo Pignone è una realtà solida. Abbiamo presentato la richiesta per il rinnovo del contratto in tutte le sedi d'Italia". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sembra quindi che il Nuovo Pignone, grazie all'autonomia che ha conquistato negli anni dalla casa madre, non sarà toccato dalla crisi della General Electric. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, maxi-multa all'automobilista romantico: "Sto andando dalla mia fidanzata, mi manca"

  • Coronavirus: morto il primo medico fiorentino

  • Coronavirus: presto l'obbligo, si esce solo con la mascherina 

  • Coronavirus: 173 nuovi casi e 18 decessi in Toscana 

  • Effetto Coronavirus, Comune di Firenze a rischio default: "resta liquidità per tre mesi"

  • Coronavirus, via alla distribuzione: si uscirà solo con le mascherine

Torna su
FirenzeToday è in caricamento