Banche fallite, Renzi gela i 'truffati': "Niente rimborso totale"

Il premier in diretta a Rtl 102.5 conferma quanto già dichiarato dal palco di Firenze: "Il rimborso totale non ci potrà essere". Il motivo: "Hanno investito in titoli che rendevano, ma che erano rischiosi"

Renzi contestato dai risparmiatori al Niccolini

Il premier Matteo Renzi ha confermato in diretta a Rtl 102.5, come già annunciato dal palco del Teatro Niccolini (mentre fuori si accendeva la protesta dei risparmiatori ndr), in occasione del lancio dei comitati per il Sì al referendum costituzionale di ottobre, la decisione del governo di non garantire il totale rimborso a chi ha consegnato i propri risparmi a Banca Etruria, CariChieti, CariFerrara. Parliamo di circa diecimila persone.

RENZI A RTL - "Queste 10 mila persone hanno messo dei soldi - ha spiegato il premier - in operazioni che erano a rischio: tre, quattro anni fa se mettevamo i soldi in un conto corrente ci davano tra lo 0,5 e l'1%; questi signori prendevano il 7-8%, avevano assunto obbligazioni subordinate a rischio che rendevano di più. Erano stati truffati? Siccome è stata la prima volta, diamo loro una mano, restituiamo a chi ha i titoli l'80 per cento, poi naturalmente se hanno da protestare vadano a fare l'arbitrato e vediamo se hanno ragione loro. Non sono così convinto che gli meriti fare l'arbitrato. Ma agli altri 60 milioni italiani evitiamo di fare racconti non esatti", ha concluso.
 
BANCA ETRURIA - "Noi siamo stati molto corretti, duri e severi con tutti, tant'è vero che ci sono stati commissariamenti e azioni di responsabilità, a partire da Banca Etruria. Mi piacerebbe anche qualche azione di responsabilità in qualche altra banca dove qualcuno ha fatto sparire soldi nel silenzio dei commentatori e della grande stampa. Ogni riferimento a vicende venete è voluto e intenzionale".

I RIMBORSI - Alla fine, quindi, il governo non farà nessun passo indietro (o in avanti) rispetto al "decreto banche". Per gli obbligazionisti delle quattro banche fallite ci sarà un "ristoro forfettario" fino all'80 per cento, senza arbitrato, purché ricorra una di queste due condizioni condizioni: un reddito lordo sotto i 35.000 euro o un patrimonio mobiliare sotto i 100.000 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CHI NE AVRA' DIRITTO - In totale, dei circa diecimila "truffati", saranno poco più della metà i risparmiatori che avranno diritto ai rimborsi automatici. Il rimborso forfettario degli obbligazionisti delle quattro banche vale per tutti quelli che hanno acquistato obbligazioni entro la data del 12 giugno 2014. Rimangono fuori soltanto 158 persone che hanno acquistato sul mercato elettronico secondario a prezzi scontati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Toscana 35 nuovi casi: il doppio rispetto a ieri. I decessi sono 5, di cui 4 nel Fiorentino

  • Le Frecce tricolori volano "a domicilio": il giro d'Italia passa da Firenze

  • Femminicidio a Cuneo: fermato un ex militare fiorentino

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Coronavirus: in Toscana positivo l'1%. Quattro su cinque sono asintomatici

  • Fase 2: hotel al collasso, lavoratori alla fame. Confindustria Firenze: "Situazione sociale sarà drammatica"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento