menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Siccità, calo del 30% dell’agricoltura per l’assenza di piogge

La produzione di pomodori è in calo del 25 - 30 percento rispetto ai quantitativi attesi. Nella produzione di mais ci sono dubbi se potrà essere fatta la raccolta

È stata un’estate torrida, segnata dalle continue correnti africane. Bollente ma soprattutto secca. Si perché il grosso problema del 2012, radicato fin dal settembre 2011, è la siccità. In Italia ma soprattutto in Toscana. L’invaso di bilancino, il polmone idrico più importante nel fiorentino, ne è la prova più lampante. E adesso, quando l’estate è agli sgoccioli, si fa la conta dei danni. Partendo da un settore che ha pagato il prezzo più alto: l’agricoltura. I cali di produzione medi in Toscana si aggirano sull’ordine del 30%. A sostenerlo il Cia Toscana, secondo cui la prolungata assenza di piogge ha causato un aumento dei costi per le aziende nel tentativo di salvare le produzioni.

“Le imprese toscane – afferma Alessandro Del Carlo, Cia Toscana – si aspettano il riconoscimento dello stato di calamità da parte del ministro con l'attivazione di misure adeguate, e relative risorse, per sostenere le imprese”. Per il pomodoro da industria, di cui è in corso la raccolta, Cia Toscana spiega in una nota che si registrano cali di produzione dal 25% al 30% rispetto ai quantitativi attesi, e perdite di prodotto non conferito alle industrie a causa della qualità scadente. Per gli ortofrutticoli le perdite oscillano dal 20% all'80% a seconda delle specie coltivate. In alcuni territori tradizionalmente dediti alla produzione di mais è perfino in dubbio che venga fatta la raccolta perché la produzione è praticamente inesistente; altre produzioni cerealicole come il girasole accusano una perdita di produzione stimabile dal 60% all'80%. La vendemmia è in corso, e si riscontra una perdita di prodotto dal 20% al 30%, con l'aggravante dei requisiti qualitativi delle uve che, secondo Cia Toscana, daranno luogo probabilmente a un vino con tassi alcometrici eccessivi. Per l'olivicoltura, in molte zone la perdita di produzione arriverà fino anche al 50% a causa della caduta massiva delle olive. La mancanza di foraggio fresco di stagione ha portato a perdite di produzione di latte ovino e bovino, e le aziende hanno avuto un aumento di costi dovendo nutrire gli animali con mangimi dal prezzo più elevato. Perdite di prodotto anche nel florovivaismo, con costi più elevati.
 

Potrebbe interessarti

Commenti (1)

  • mettete tutto in conto agli amanti del sole e a quelli che predicano l'elogio del "bel tempo"..viva la pioggia!!

Più letti della settimana

  • Incidenti stradali

    Viale Matteotti, tragico incidente stradale: muore una donna

  • Cronaca

    Voragine su Lungarno Torrigiani: ecco le cause del cedimento 

  • Cronaca

    Sprofonda lungarno Torrigiani: auto inghiottite dalla voragine davanti a Ponte Vecchio / FOTO / VIDEO

  • Incidenti stradali

    Mugello, scontro tra moto: muore una donna di 40 anni

Torna su