Violenza sessuale su una connazionale: arrestato mentre si compra le arance

Un sessantenne è stato arrestato a Novoli mentre faceva la spesa. Nel 2005 sequestrò una connazionale e la violentò per tutta la notte

Venerdì scorso la polizia ha arrestato un cittadino peruviano di 60 anni condannato dal tribunale di Novara a sei anni e mezzo di reclusione per lesioni gravissime, violenza sessuale e sequestro di persona. L'uomo  è stato bloccato dagli uomini della squadra mobile di Firenze mentre comprava delle arance nel supermercato Esselunga di Novoli. Secondi i giudici, nel 2005 il peruviano, Paulino Felipe Ojeda Cano, sequestrò per un'intera notte una sua connazionale, ferendola alla gola con un collo di bottiglia e violentandola per tutta la notte. Dopo la brutale violenza la donna rischiò di morire dissanguata.

Per riuscire a rintracciarlo, visto che il ricercato si era rifugiato da alcuni connazionali in via Bardazzi, gli uomini del 113 hanno fatto un consistente uso di intercettazioni. Ma il sudamericano, avvedutosi della possibilità di essere scoperto durante le conversazioni telefoniche, cercava di sviare gli agenti fornendo false indicazioni al proprio interlocutore: dicendo di andare in un luogo per poi andare in tutt’altro. Da quanto appreso, il sessantenne stava aspettando dei soldi e un passaporto falso, si presume volesse rientrare in patria, quando è finito in manette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentati furti in casa: attenti alle fascette di plastica 

  • Formaggio e uova richiamati per rischio contaminazione

  • Gavinana: senzatetto morta nei giardini / FOTO

  • Parcheggi su strisce blu: gratis per tutti i residenti a partire dal 30 marzo

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Fallita l'azienda fiorentina CHL. Anticipò Amazon e fu pioniera dell'e-commerce

Torna su
FirenzeToday è in caricamento