Valdisieve, controlli dei carabinieri: un arresto e due denunce

Gli interventi tra Pelago e Pontassieve

Un artigiano di 42 anni, controllato due sere fa dai carabinieri del radiomobile di Pontassieve, è stato trovato alla guida della propria auto con un tasso alcolemico 5 volte superiore ai limiti di legge.

Per lui è scattata la denuncia per guida in stato di ebbrezza, il ritiro della patente e il sequestro dell'auto, ai fini di confisca del mezzo. Segnalato in prefettura anche un altro automobilista, 35 anni, trovato in possesso di mezzo grammo di cocaina.

Sempre nel corso dei controlli del territorio della Valdisieve ad opera degli uomini dell'Arma, i carabinieri di Pelago hanno arrestato un uomo di 60 anni, residente in paese, sul quale gravava un ordine di carcerazione della Procura Generale presso la Corte d’Appello di Firenze.

Il 60enne deve infatti espiare una pena divenuta definitiva, a 7 anni di carcere, per associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti e detenzione di sostanze stupefacenti in concorso. Si tratta di fatti risalenti al triennio 2015-17. L’uomo è stato portato in carcere a Sollicciano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Denunciato anche uno studente di 19 anni, per porto di oggetti atti a offendere. Nascosto nel vano portaoggetti della sua auto, i carabinieri hanno infatti trovato e sequestrato un coltello della lunghezza di 20 centimetri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fare la spesa in Toscana al tempo del Covid-19: ecco cosa cambia

  • Coronavirus, l'Einaudi Institute: "La Toscana arriverà per ultima a quota zero contagi"

  • Bambini mezz'ora a spasso, Prato contro Firenze: "Allucinante, vi siete accorti che c'è una pandemia?"

  • Coronavirus, emergenza studenti fuori sede: “In 10mila non riescono più a pagare l’affitto”

  • Coronavirus: fase acuta dell'emergenza, i casi nel Fiorentino 

  • Coronavirus: il quartiere è deserto e una famiglia di anatre arriva fino alla farmacia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento