Vaglia, amianto all’ex Banti. Il sindaco: “A breve la bonifica”

Intanto la struttura è ancora in cerca di un compratore

Foto di repertorio

Saranno smantellate tutte le coperture di fibrocemento con amianto dell’ex ospedale Banti a Pratolino nel comune di Vaglia. “Non c’è da allarmarsi - ha detto il sindaco della cittadina Leonardo Borchi - il direttore della Asl, Paolo Morello, ci ha confermato che si attiverà da settembre per fare una valutazione, procedere alla rimozione e allo smaltimento”. Tempi previsti perché l’area sia bonificata interamente: tre anni. “L’Asl - ha precisato il primo cittadino - si attiverà per concludere il prima possibile l’iter”. La speranza è che la bonifica si possa concludere prima del 2022.

Intanto l’ex Banti, gestita dall’Asl ma proprietà della Regione, è a caccia di un compratore dell’area dopo che la quarta asta è andata deserta. “La nuova proprietà dovrebbe dare un nuovo scopo alla struttura - ha confermato Borchi -. Pensiamo di fare una conferenza con tutti gli enti interessati, e non solo. Purtroppo il complesso non è appetibile economicamente: per compralo servirebbero più di 2 milioni di euro ma la ristrutturazione ha un costo molto alto (fra i 30 e i 35 milioni di euro)”.  Ad oggi l’area è infatti vittima di degrado e incuria. Un abbandono dove un mese fa si è verificata anche una tragedia: un ragazzo è morto per dinamiche ancora da chiarire in modo completo.

Muore nell'ex ospedale Banti: "Tragedia annunciata"

I parenti: "Non crediamo al suicidio"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Isolotto: il portellone si apre e la bara finisce in strada

  • Terremoto Firenze: la terra trema in città

  • Terremoto: la terra trema nel Fiorentino

  • La migliore caffetteria d'Italia è a Firenze

  • Sgombero in via Baracca: coinvolte decine di famiglie, caos traffico / FOTO

  • La rinascita della Fortezza: dalla criminalità alla pista di pattinaggio più lunga d'Europa | FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento