Turismo, troppi arrivi: il governo studia l'accesso "a numero chiuso"

Per tutelare l'ambiente ma anche città e luoghi d'arte, dopo anni di flussi in costante crescita

Il turismo porta ricchezza, e Firenze lo sa bene. Se i turisti sono troppi, però, gli effetti collaterali si moltiplicano. E così, dopo la tassa di soggiorno, starebbe sorgendo l'ipotesi, all'interno del Ministero dei Beni e delle Attività culturali, di introdurre una sorta di "numero chiuso" per visitare le città d'arte più affollate, tra cui Firenze. L'ipotesi viene riportata, nell'edizione odierna, dal quotidiano La Stampa.

Il giornale torinese porta numerosi esempi di situazioni al limite della sopportazione, dalle Cinque Terre alle oasi marine della Sardegna, passando per città e luoghi d'arte presi sempre più d'assalto, come Pompei e il Colosseo, esempi di situazioni dove sono stati introdotti limiti agli accessi. L'ipotesi ricostruita dalla Stampa è che il "limite agli accessi" possa essere introdotto anche per un'intera città, come per esempio Firenze.

“E’ un aspetto che si potrebbe affrontare in un confronto tra la Conferenza Stato Regioni e Anci, aprendo un tavolo per individuare possibili soluzioni - dice al quotidiano di Torino Dorina Bianchi, sottosegretaria al Ministero per i Beni Culturali -. Il governo sta elaborando un piano per il turismo, l’obiettivo è valorizzare tutto il territorio per diversificare l’offerta e decongestionare mete troppo gettonate con percorsi alternativi”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi incidente a Ponte a Greve: traffico bloccato / FOTO

  • Tentati furti in casa: attenti alle fascette di plastica 

  • Giornata mondiale della pizza: ecco le pizzerie da provare a Firenze

  • Palazzo Vecchio: nuovi concorsi per posti di lavoro a tempo indeterminato in Comune

  • Mette in scena il suo funerale con tanto di carro d'epoca e corteo funebre

  • Incidente a Novoli: traffico bloccato / FOTO 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento