Tunnel Tav sotto Firenze, Bocci si schiera per il no: “E' inutile”

Il candidato sindaco del centrodestra contrario a sotto-attraversamento e stazione Foster, Nardella: “E' il primo candidato della Lega no-Tav”

E' un progetto di quasi 30 anni fa (risale ai primi anni '90) ma sarà tra i temi al centro della campagna elettorale, in vista del voto per eleggere il sindaco di Firenze il prossimo 26 maggio.

Non serve, "per me lì si potrebbe fare un campo da cricket”, ha dichiarato in merito alla stazione Foster in una intervista a La Nazione uscita oggi il candidato del centro destra Ubaldo Bocci, che ha iniziato la sua campagna lunedì mattina all'Isolotto con il ministro dell'Interno Matteo Salvini. E sul sotto-attraversamento Tav di circa 7 chilometri previsto sotto Firenze: “E' inutile”.

Un 'no' secco da Bocci dunque a Foste e tunnel (opere per le quali sono già stati spesi centinaia di milioni di euro, con i cantieri siano pressoché bloccati da tempo). "Ma quanti altri ne dovremmo spendere per una cosa inutile come il sottoattraversamento di Firenze? Non c’è scritto da nessuna parte che si è fatta una scelta sbagliata per pareggiare si debba fare anche la seconda scelta sbagliata", ha aggiunto il candidato del centrodestra alla Nazione.

Affermazioni alle quali ha replicato subito il sindaco Dario Nardella. “E' il primo candidato della Lega No-Tav”, ha ironizzato il sindaco, a margine di un incontro sul trasporto su ferro ospitato questa mattina dalla Cgil-Firenze.

Per quanto riguarda la Foster, è un cantiere, ha aggiunto Nardella, “dove sono stati già spesi 800 milioni, per un'opera che oggi di fatto è pronta ad essere realizzata. La Lega non vuole fare la tramvia e, scopriamo oggi, neanche la Tav. Così Firenze sarebbe condannata dal traffico alla camera a gas dell'inquinamento”.

Nardella ha poi rilanciato il progetto di una 'metropolitana di superficie' (che la sinistra accusa di aver copiato dall'idea già lanciata anni fa dal gruppo consiliare di perUnaltracittà): “Il completamento della Foster e del tunnel tav è fondamentale per realizzare il treno metropolitano di superficie, che dal Valdarno aretino arrivi fino al pistoiese tenendo insieme anche il Mugello grazie alla Faentina”.

“Pensiamo - ha aggiunto il sindaco -, ad un sistema con convogli piccoli e agili, con capienza limitata a 400 posti ma con elevate prestazioni, con una frequenza di 10, 15 minuti e caratterizzati da numerose fermate, ogni 1.000, 1.500 metri. Le stesse che ritroviamo a Firenze, visto che si possono usare quelle esistenti, da Rovezzano a Castello, integrandole in un sistema di interscambio con le linee tramviarie. Se riusciremo a realizzare la metro di superficie su binari esistenti ridurremo di 100.000 veicoli l'impatto su Firenze e avremo il 30% in meno di mezzi su tutta l'area metropolitana”.

I Verdi si schierano per il sotto-attraversamento della Tav

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Firenze usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in appartamento in piazza Indipendenza, strade chiuse e caos traffico / FOTO

  • Firenze Rocks 2020: fan in fermento per la quarta edizione

  • Incidente sull'autostrada A1: feriti e code per chilometri

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Tramvia: come sarà il nuovo ponte sull'Arno / FOTO

  • Scandicci: tubo rotto, allagamento in strada/ FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento