Reggello, truffe agli anziani: si spaccia per carabiniere ma arriva quello vero

Le minacce telefoniche: "Vostro figlio è in caserma, pagate o sono guai"

Si spacciava come ufficiale dei carabinieri, allo scopo di truffare anziani e derubarli di denaro contante e gioielli.

L'uomo, un 30enne di origine campana, ieri mattina ha telefonato a tre anziani di Reggello, due donne e un uomo, di età compresa tra i 71 e gli 86 anni.

Ai tre anziani l'uomo, aiutato da un complice, ha riferito che i rispettivi figli avevano avuto un incidente stradale ed erano stati trattenuti in caserma: per non avere guai i tre anziani avrebbero dovuto pagare una grossa somma in contante o in gioielli.

Gli anziani però non ci sono cascati e hanno chiamato i carabinieri, quelli veri, che così hanno potuto rintracciare il truffatore. Il 30enne, già noto alle forze dell'ordine, è stato denunciato. Il complice invece non è stato ancora trovato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Via Baracca: vinti 500mila euro con un "Gratta e Vinci"

  • Coronavirus: anche in Toscana nuove misure per chi torna dalla Cina

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Lavoro: concorso per 84 assunzioni in Regione Toscana

  • Donna morta in hotel: "gioco erotico finito male", indagato il compagno

  • Coronavirus, mistero sulla comitiva "fantasma" rientrata a Firenze dalla Cina

Torna su
FirenzeToday è in caricamento