Tramvia, la protesta dei lavoratori Gest: "Non ci sentiamo sicuri a passare di notte dal parcheggio Guidoni a Peretola"

Se le cose non cambio i dipendenti potrebbero scioperare

Questa mattina è stata aperta una procedura con l'azienda Gest dove hanno partecipato le sigle sindacali Cgil, Cisl, Uil e Faisa.

I lavoratori Gest da tempo lamentano una situazione di insicurezza perché, come si legge in una nota di Filt-Cisl: "A inizio del servizio (poco dopo le 4 del mattino) dal parcheggio di Guidoni devono recarsi a piedi a prendere i tram che sostano dentro l'aeroporto di Peretola, in condizioni oggettivamente poco sicure, sebbene in presenza di una guardia giurata in zona". 

La situazione si ripete negli orari notturni. Ed è ancor più pericoloso per le 20 donne autiste della tramvia. I lavoratori chiedono - come scritto nella nota di Fit-Cisl -  quattro posti auto riservati a loro, direttamente nel recinto aeroportuale. 

"L'azienda - conclude il comunicato - con l'aiuto dei comuni di Firenze e Scandicci, può dare un segnale forte e distensivo alla vertenza, garantendo i quattro posti auto necessari e conseguentemente maggiore tranquillità e sicurezza."

Se la procedura non andasse a buon fine, ci sarò un tavolo in Prefettura. E se l'accordo non venisse raggiunto, il passo successivo è lo sciopero. 

Potrebbe interessarti

  • 10 idee per una gita fuori porta in Toscana per Ferragosto

  • Accadde oggi: il film Amici miei arriva al cinema

  • Furti in casa: tornano i contributi per l’installazione degli allarmi

  • "Non ci resta che piangere": 35 anni dopo il film in piazza del Carmine

I più letti della settimana

  • Lite per il parcheggio finisce nel sangue: muore residente a Sesto

  • Bambino di 8 anni muore dopo una settimana di agonia

  • Incendio all'Isolotto: colonna di fumo sulla città

  • Addio allo stress da posto fisso: così amore e viaggio ci hanno cambiato la vita

  • Incidente in montagna sulle Dolomiti: muore escursionista fiorentino

  • Terremoto: nuova scossa, la terra trema ancora

Torna su
FirenzeToday è in caricamento