Traffico illecito di scarti tessili: "cenci" fino in Sud Africa

Sei arresti nell'operazione della Dda 

Rifiuti illeciti (immagini d'archivio)

Hanno raccolto decine di tonnellate di scarti tessili prodotti dai pronto moda cinesi di Prato e Pistoia e li hanno spediti in Sud Africa, oppure stoccati in depositi in disuso nel nord Italia. Senza autorizzazione e senza 'ripulire' in alcun modo i rifiuti. Ma facendone comunque pagare i costi di smaltimento ai titolari delle aziende, come se lo avessero effettuato regolarmente. Un traffico illecito di rifiuti assai remunerativo, partito un anno fa e stroncato stamani dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Firenze che ha chiesto e ottenuto dal gip del tribunale fiorentino Federico Zampaoli gli arresti per 6 persone, quattro italiani e due cinesi, considerate al vertice del gruppo che avrebbe organizzato e gestito il “flusso dei cenci”.

Altre 10 persone – sette italiani e tre cinesi residenti a Prato, titolari di ditte individuali, alcune delle quali fittizie - sono state iscritte nel registro degli indagati nel corso delle indagini svolte dalla polizia municipale di Prato e dalla sezione giudiziaria della polizia provinciale fiorentina. Perquisizioni e sequestri sono state effettuate nelle province di Prato, Pistoia, Bologna, Rovigo, Mantova e Reggio Emilia. 

In carcere, a Bologna, è finito Gianluca Vendrasco, un imprenditore trevigiano. Arresti domiciliari per gli imprenditori pratesi della “Tessil Giglio” Graziano e Marco Giunchi, per l'imprenditore pistoiese Luigi Saccone e per i sino-pratesi Chen Xiapeng e Zhou Libing, soci della “Riciclo Pulito srl”.

Sarebbero loro, secondo le accuse del procuratore capo di Firenze Giuseppe Creazzo e del sostituto procuratore della Dda fiorentina Leopoldo De Gregorio, i gestori del “traffico dei cenci” portato alla luce dall'inchiesta “Prato Waste”. Il gruppo, secondo gli investigatori, avrebbe anche fatto uso di provvedimenti emessi dall’Albo Nazionale Gestori Ambientali e di autorizzazioni di impianti di destinazione alterati ad hoc a seconda delle esigenze. Sempre secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, infatti, i trasporti illeciti venivano spesso effettuati da soggetti totalmente non abilitati al trasporto di quei rifiuti, che si avvalevano di false iscrizioni all’Albo per eludere i controlli su strada della polizia.

Il successivo conferimento intermedio dei rifiuti (i cosiddetti “sacchi neri”) avveniva presso impianti di recupero fittizi dove gli scarti, invece di essere sottoposti a cernita, selezione e igienizzazione, venivano semplicemente privati del sacco nero o pressati per ottimizzare la successiva fase di trasporto. Ma senza alcun trattamento. A quel punto i rifiuti prendevano la via del mare (Livorno e Cagliari) destinazione Johannesburg, o venivano spediti nel nord Italia e stoccati all’interno di capannoni fatiscenti e in disuso, saturandoli e abbandonandoli. I proprietari dei capannoni, molte volte inconsapevoli, si vedevano pagata la sola prima rata del contratto di locazione per poi trovarsi alle prese con soggetti “fantasma” e immobili stracolmi di rifiuti.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Le Frecce tricolori volano "a domicilio": il giro d'Italia passa da Firenze

  • Coronavirus: in Toscana positivo l'1%. Quattro su cinque sono asintomatici

  • Palazzo Vecchio senza soldi, Nardella: “Vado a cercarli in Cina”

  • Fase 2: hotel al collasso, lavoratori alla fame. Confindustria Firenze: "Situazione sociale sarà drammatica"

  • Tramvia, Nardella annuncia modifiche: arriverà vicino al Duomo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento