Terremoto in Mugello: sopralluogo del presidente Rossi e della prefetta Lega

Scuole chiuse in molti paesi, forti ritardi nei treni ed edifici lesionati

Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, si è recato in Mugello dopo le scosse di terremoto che hanno interessato la zona questa notte. L'arrivo di Rossi per un primo sopralluogo intorno alle 10.

Il presidente della Regione è accompagnato dall'assessore regionale alla protezione civile Federica Fratoni e dal direttore del direzione sicurezza idrogeologica Giovanni Massini.

Firenze svegliata dalla scossa

Presso il Coc (centro operativo comunale) di Barberino di Mugello, via del Pozzo 1, si terrà un incontro con gli amministratori locali per una prima valutazione dei danni e delle iniziative da attivare per fronteggiare l'emergenza.

Anche il prefetto di Firenze Laura Lega si è già recata nel Mugello per una verifica della situazione dopo il terremoto di stanotte.

La conta dei danni in Mugello

Alle 12 di oggi tornerà poi a riunirsi il CCS – Centro Coordinamento dei Soccorsi presso la sala operativa congiunta di protezione civile di Prefettura e Città Metropolitana presso l’Olmatello, in via dell'Olmatello a Firenze.

Tra i soccorsi attivi protezione civile, vigili del fuoco, volontari e misericordie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Treni nel caos: maxi ritardi

“Stiamo provvedendo con vigili del fuoco, carabinieri e altri volontari a effettuare una ricognizione in tutta la zona interessata dallo sciame sismico e soprattutto dalla forte scossa delle 4 e 37. Ci sono alcune case lesionate e anche la chiesa e la canonica di Barberino sono state dichiarate inagibili. Il centro di Barberino è praticamente vuoto, perché tutti sono ancora in strada. Ci segnalano qualche criticità in alcune frazioni periferiche e quella è la priorità per il momento: raggiungere tutte le frazioni, anche le più isolate, valutare la situazione ed eventuali necessità e nel caso lasciare un presidio per assistere le persone", ha detto il presidente delle Misericordie della Toscana Alberto Cosinovi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Conte firma il nuovo decreto: l'elenco delle attività aperte

  • Coronavirus: un morto l'ora in Toscana, tutti pazienti con più patologie 

  • Coronavirus: dipendente Esselunga risultato positivo al Covid-19

  • Coronavirus, emergenza studenti fuori sede: “In 10mila non riescono più a pagare l’affitto”

  • Coronavirus: il quartiere è deserto e una famiglia di anatre arriva fino alla farmacia

  • Coronavirus: la foto in fila al supermercato diventa un simbolo 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento