Teatri a un euro, musei gratis e 'buono cultura' da 50 euro per i giovani

L'annuncio del sindaco Dario Nardella: “Misura già inserita in bilancio”

Dario Nardella questa mattina in Palazzo Vecchio

Ingressi gratuiti nei musei civici e biglietto al costo di un euro nei teatri del Maggio e dell'Orchestra regionale toscana per i giovani tra i 18 e i 25 anni, un giorno alla settimana, a partire da gennaio prossimo.

Il provvedimento è stato annunciato questa mattina dal sindaco Dario Nardella in Palazzo Vecchio, in occasione dell'inaugurazione dell'anno accademico dell'Università di Firenze, alla quale ha partecipato anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Previsto inoltre un "invito alla lettura e all’informazione", consistente in un "contributo" di 50 euro da spendere per libri, giornali e periodici.

"Abbiamo deciso - ha spiegato Nardella – di fornire nuovi strumenti ai giovani per aiutarli nell’accesso alla conoscenza e alla formazione. Da gennaio 2019 i ragazzi da 18 a 25 anni, europei, potranno accedere ai musei civici gratis il lunedì e a due teatri a un euro: al Maggio musicale tutti i venerdì, e al Verdi durante gli spettacoli dell’Orchestra della Toscana, per un massimo di 50 posti ogni volta”.

Per quanto riguarda l’iniziativa ‘invito alla lettura e all’informazione’, si tratterà di 50 euro annuali da spendere appunto in libri o giornali o periodici, e sarà destinato sempre ai giovani tra 18 e 25 anni, residenti a Firenze. Le modalità di fruizione sono in fase di definizione.

“E’ un dovere delle istituzioni – ha aggiunto Nardella – promuovere il coinvolgimento attivo dei giovani nella vita culturale della città, per la loro crescita e per il loro futuro”.

La misura, ha proseguito il sindaco nel salone dei Cinquecento, rivolgendosi a studenti, lavoratori dell'Ateneo e allo stesso Mattarella, “è contenuta nel bilancio 2019 del Comune. La città è l'università e l'università è la città, in una collaborazione che si estende in tutte le istituzioni culturali. Una contaminazione positiva”.

In un momento storico segnato “dalle scorciatoie rispetto alla fatica del sapere, in cui sorgono dubbi di fronte a scoperte decisive per l'umanità, è sempre più importante - ha concluso il primo cittadino -, che l'università rivesta il suo ruolo di guida della società”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Via de'Pucci: chiuso lo Shot Cafè

  • Stazione di Rifredi: ragazza muore investita dal treno / FOTO

  • Crac Costruzioni Margheri: sette condanne per bancarotta

  • San Jacopino: allarme bomba / FOTO

  • Carceri: sesso per i detenuti, chiesto intervento della Regione  

  • Fiorentina: il nuovo stadio a Campi Bisenzio incompatibile con l'aeroporto

Torna su
FirenzeToday è in caricamento