Stazione Rifredi: urta passeggero per rubare il portafoglio ma finisce nei guai

L'uomo era già noto alle forze dell'ordine

Ha approfittato degli ultimi giorni di feste per entrare in azione, aspettando il momento in cui alcuni viaggiatori salivano e scendevano da un treno alla stazione di Rifredi per rubare un portafogli, ma è stato scoperto. A finire nei guai un cittadino straniero di origine marocchina, già noto alle forze dell’ordine.

L’uomo, con precedenti per reati contro il patrimonio, era alla fermata di un convoglio: urtando la “vittima” durante la confusione è riuscito a sottrargli il portafogli, con all’interno 170 euro in contanti e due bancomat. La persona derubata, accortasi poco dopo di quanto accaduto, è corsa però dalla polizia ferroviaria denunciando l’accaduto. Immediatamente sono scattate le indagini, e grazie alle telecamere di videosorveglianza il responsabile è stato rintracciato e denunciato a piede a libero.

La polizia ferroviaria, infatti, in occasione delle festività aveva rinforzato i controlli di prevenzione e repressione dei reati: in tutta la Toscana sono state impiegate 697 pattuglie nelle stazioni, e 52 a bordo treno. Sia sui convogli che nelle stazioni sono stati realizzati 58 servizi antiborseggio, e 44  le persone denunciate in stato di libertà, grazie anche al supporto degli occhi elettronici installati in punti strategici.

Potrebbe interessarti

  • 10 idee per una gita fuori porta in Toscana per Ferragosto

  • Accadde oggi: il film Amici miei arriva al cinema

  • Le sagre di Ferragosto da non perdere

  • Furti in casa: tornano i contributi per l’installazione degli allarmi

I più letti della settimana

  • Lite per il parcheggio finisce nel sangue: muore residente a Sesto

  • Bambino di 8 anni muore dopo una settimana di agonia

  • Incendio all'Isolotto: colonna di fumo sulla città

  • Tramvia: tram e scooter viaggeranno insieme

  • Tre ricette toscane per combattere il caldo estivo

  • Addio allo stress da posto fisso: così amore e viaggio ci hanno cambiato la vita

Torna su
FirenzeToday è in caricamento