The State of the Union: Palazzo Vecchio blindato / FOTO

Seconda giornata del summit in Palazzo Vecchio

Al via questa mattina in Palazzo Vecchio la seconda giornata di The State of the Union, la tre giorni dedicata all'Europa in svolgimento a Firenze.

"L'Europa non può essere solo Pil e parametri economici, ma prima di tutto sia un'Europa delle culture, poi politica ed economica", ha aperto i lavori il sindaco di Firenze Dario Nardella, citando il discorso di Robert Kennedy del 1968, quando l'allora candidato democratico alla presidenza Usa, poi assassinato, richiamava il mondo sull'assurdità di alcuni parametri economici calcolati dal Pil.

Il sindaco ha poi annunciato che nel 2018 Firenze ospiterà la prima conferenza internazionale di tutte le città europee che sono state negli anni capitali della cultura.

Il summit si svolge in un Palazzo Vecchio blindato, con numerose pattuglie di polizia, carabinieri e guardia di finanza a presidiare la zona. Rigorose anche le procedure di ingresso a Palazzo per gli accreditati. Tra gli altri, hanno parlato anche il ministro degli esteri Angelino Alfano, il presidente del parlamento europeo Antonio Tajani e il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker.

"Le generazioni nate dopo Seconda Guerra Mondiale nel continente hanno conosciuto solo la pace, di questo dobbiamo ringraziare l'Europa. Ora la sfida è dare una risposta ai 15 milioni di disoccupati europei e rilanciare un progetto futuro per l'Unione", ha detto il mnistro Alfano. "Come italiani siamo fieri - ha agiunto, in tema di immigrazione -, di avere salvato centinaia di migliaia di vite nel Mediterrraneo, mettendoci dalla parte giusta della Storia, a tutela dei diritti umani".

A proposito della crisi migratoria, "l'Italia ha fatto fin dal primo giorno tutto ciò che poteva fare, ha salvato e salva l'onore dell'Europa", ha detto Juncker, aggiungedo: “Dobbiamo essere più solidali con l'Italia e con la Grecia, tenere conto della loro posizione geografica, della quale non sono responsabili".

Nel corso della mattinata, inoltre sono state premiate tre aziende dell’area metropolitana fiorentina - Giotto Biotech di Sesto Fiorentino, Magenta software lab di Firenze e ZP Studio di architettura e design di Firenze -, che hanno ricevuto il riconosimento 'Europa a misura d'impresa', conferito dalla Camera di Commercio di Firenze per essersi particolarmente distinte utilizzando al meglio i servizi dell’Unione Europea per favorire la libertà d’impresa attraverso gli sportelli di Enterprise Europe Network. Il premio è stato conferito dal presidente del parlamento europeo Antonio Tajani assieme al presidente della Camera di Commercio di Firenze, Leonardo Bassilichi.

“E’ vero, c’è un’Europa che non funziona bene, che va profondamente riformata, ma nessuno può negare – il commento di Bassilichi -, l’Europa delle libertà e delle opportunità per i cittadini e per le imprese. Non sono solo belle parole, ma aziende vere con lavoratori in carne e ossa che hanno utilizzato al meglio la rete europea, sono cresciute e che ci auguriamo siano d’esempio per tantissime altre”.

In concomitanza al summit, il Museo di Palazzo Vecchio è rimasto chiuso per l'intera giornata. Nel pomeriggo è poi intervento l'Alto Rappresentante per la politica estera europea Federica Mocherini. Alle 18:30 ha concluso i lavori il presidente del consiglio Paolo Gentiloni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

  • Marina di Castagneto: fiorentino muore dopo un bagno

  • Entra in funzione 'PagoPA', addio verbale rosa sull'auto: come cambiano le multe

  • Emergenza coronavirus non impatta sul mattone: Firenze città più cara d'Italia

  • Coronavirus, dipendenti senza mascherina: chiuso e multato un supermercato

Torna su
FirenzeToday è in caricamento