Minaccia e segue la ex: arrestato un 30enne

L'uomo è accusato di stalking

Un 30enne fiorentino è stato messo agli arresti domiciliari per stalking nei confronti dell'ex compagna, di qualche anno più giovane. Già da anni la donna sarebbe stata vittima di violenze, ingiurie e atti intimidatori che negli ultimi periodi si erano intensificati. In particolare a fine 2018 l’uomo avrebbe violentemente aggredito la donna che, dopo essere stata colpita al volto, ha sbattuto la testa contro l'armadio rendendo necessario l'intervento del 118 e degli agenti del 113. 

Dopo ciò il tribunale civile di Firenze aveva disposto nei confronti dell’uomo il “divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna”, ma altri episodi, almeno due tra luglio e agosto 2019, avrebbero dimostrato come l'uomo avesse, oltre a non aver mai smesso di perseguitare la donna, violato il provvedimento del Tribunale. La vittima sarebbe stata inoltre importunata con vari messaggi sui social network e Whatsapp, che l'hanno costretta a cambiare numero telefonico. 

Il Giudice per le Indagini Preliminari ha dichiarato che l'uomo è colpevole di stalking. Gli atti persecutori sarebbero stati connotati da appostamenti, minacce, ingiurie, spintonamenti - spesso anche alla presenza dei figli minori - tali da generare ansia nella parte lesa, la quale è stata costretta a rivolgersi alle forze dell’ordine anche dopo il provvedimento di divieto di avvicinamento emesso dal Tribunale di Firenze, nonché a cambiare le proprie abitudini di vita e le utenze telefoniche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi anche i figli della coppia infettata 

  • I migliori locali di Firenze, dalla pizza alla cucina etnica: ecco i 12 vincitori

  • Coronavirus: dalla Cina stanno rientrando a Prato e Firenze 2.500 persone

  • Incidente alla Fortezza: auto ribaltata in Viale Strozzi

  • Folle inseguimento, paura sui viali: 14enne semina il panico

  • Frecciarossa deragliato a Lodi: prodotto a Firenze il pezzo difettoso del cambio all'origine della tragedia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento