Evade dai domiciliari per aggredire la ex: stalker in carcere

Ha perseguitato la donna per mesi nonostante i divieti: arrestato dai carabinieri dopo le denunce

Ha perseguitato l'ex compagna ed ex convivente (seppur per poco tempo) per dei mesi nel tentativo di riallacciare la storia: prima con messaggi minacciosi e pedinamenti, poi con appostamenti sul luogo di lavoro, infine con aggressioni e percosse anche con l'aiuto di complici. Alla fine lo stalker è stato arrestato e portato in carcere. L'autore è un 55enne italiano, residente a Sesto Fiorentino, già agli arresti domiciliari nell'ambito di un altro procedimento penale poiché accusato di alcune rapine in danno di agenzie di scommesse. E nonostante fosse ai domiciliari, è evaso per mettere in atto minacce e aggressioni alla donna. 

La svolta grazie alle denunce presentate ai carabinieri di Pontassieve dalla donna, costretta a cambiare abitudini e sede di lavoro per evitarlo dopo tre mesi di insistenze. Nonostante un divieto di avvicinamento per l'uomo emesso dal giudice, l’uomo ha continuato ad assillare la donna con telefonate, messaggi, lettere fatte recapitare sul luogo di lavoro o lasciate sul parabrezza della sua autovettura. 

Un’escalation ormai incontrollabile: i carabinieri già da tempo monitoravano l’abitazione della donna per impedire che il suo stalker potesse avvicinarsi. Proprio questi ultimi episodi hanno fatto sì che il magistrato titolare dell’indagine, concordando con le risultanze investigative dell’Arma, richiedesse un aggravamento delle misure cautelari già in essere, che il Gip ha avallato emettendo l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, oggi eseguita dai Carabinieri.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Sport

    Fiorentina: i giocatori tornano nell'albergo dove morì Astori

  • Cronaca

    Autorizzato il corteo di Forza Nuova a Prato, protestano Anpi e associazioni: “Decisione che indigna”

  • Cronaca

    Genitori Renzi: per il crack della cooperativa, a breve la decisione del Tribunale

  • Cronaca

    Lorenzo Orsetti, i genitori: "Vergognoso processare chi combatte l'Isis" / VIDEO

I più letti della settimana

  • Festa del papà: perché in Toscana si dice “babbo”

  • Siria: ucciso dall'Isis giovane combattente fiorentino

  • Rissa fra genitori: partita sospesa, bambini in lacrime

  • Sciopero mondiale per il clima: tutto pronto a Firenze

  • Accoltella il compagno al cuore e poi dà la colpa a uno straniero

  • Ucciso dall'Isis, la lettera d'addio di Lorenzo: “Sono morto facendo quello che ritenevo giusto”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento