"L'Alveare che dice Sì", grande successo per la spesa a chilometro zero

Con un semplice click è possibile ordinare la propria spesa a chilometro zero. Dalla cioccolata alla frutta. Ecco come fare

Ai fiorentini piace una tavola a chilometro zero, ancor più se per ottenerla basta un clic. A neanche un mese dal lancio, "L'Alveare che dice Sì", la piattaforma online per fare la spesa dal contadino in modo pratico e veloce, conta quasi 1000 iscritti, con una quarantina di vendite ogni settimana per una spesa media pari a 35 euro a testa.  

Un vero e proprio boom per un modello di e-commerce innovativo e altamente personalizzato, a maggior ragione se paragonato con i risultati ottenuti con lo stesso metodo a Roma (circa 30 ordini a settimana) e Milano (circa 40).

Il format, nato in Francia nel 2011, ha contagiato oltre 1 milione di persone in Europa ed è sbarcato in Italia un paio d’anni fa. Responsabile dell’Alveare di Firenze è la blogger fiorentina Chiara Brandi, che si occupa di selezionare i produttori locali, creare e animare la comunità dei consumatori.

In pratica funziona così: si ordina online scegliendo tra una lista di prodotti e produttori che si trovano nel raggio di circa 20 km dalla città, si paga sul web e una volta alla settimana si passa a ritirare la spesa di persona, direttamente dalle mani di agricoltori, fornai, pasticceri e allevatori, in un luogo centrale e facilmente raggiungibile. Nel caso di Firenze: al Caffè Letterario delle Murate ogni mercoledì dalle 18 alle 19.30. L’iscrizione è gratuita e si paga solo quello che effettivamente si compra, con un ricarico massimo del 16,7% già dichiarato in partenza, che viene suddiviso in parti uguali tra gestore e piattaforma. 

Ad andare per la maggiore tra i consumatori fiorentini sono i prodotti dell’orto, frutta e verdura freschi di Fattoria di Arcetri e Fattoria S. Michele a Torri. Seguono i formaggi dell’Amiata della Fattoria di Murceti, la carne dell’Azienda Agricola Il Ponte di Vicchio, i biscotti di Dolcemporio in San Frediano e poi gli altri prodotti: la farina Granprato del Molino Bardazzi, il cioccolato della Fonderia del Cacao, la birra artigianale Birra Mascetti, l’olio de La Fornella, le farine di grani antichi e le erbe aromatiche di Podere Montisi, la pasta fatta a mano del Pastificio Michele Portoghese di Settimello. 

I prodotti freschi cambiano a seconda delle stagioni, mentre con l’avvicinarsi del Natale è entrata nel “paniere” anche una speciale confezione regalo, con bag o canovaccio realizzato ad hoc da Ratafià, da riempire di specialità genuine e regalare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le new entry del mese di dicembre non possono mancare, ovviamente, le specialità natalizie di Dolcemporio, tra cui i panettoni artigianali del forno Vannini, i ricciarelli originali di Siena, le tisane preparate a mano da Tealicious, bottega d’Oltrarno specializzata in erbe, fiori e infusi, ma anche carni per bolliti e cotechino, in vista di cenoni e pranzi in famiglia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Toscana 35 nuovi casi: il doppio rispetto a ieri. I decessi sono 5, di cui 4 nel Fiorentino

  • Femminicidio a Cuneo: fermato un ex militare fiorentino

  • Coronavirus Toscana: "La grande truffa delle sanificazioni"

  • Coronavirus: in Toscana positivo l'1%. Quattro su cinque sono asintomatici

  • Controlli a Fiesole: arrestato 24enne 

  • Paura Isolotto: ambulanza esce di strada e finisce contro una vetrina / FOTO 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento