Spaccio di droga alla Stazione: situazione rovente, feriti quattro poliziotti

Nel corso di due interventi quattro agenti sono dovuti ricorrere alle cure mediche

Controlli alla stazione (foto d'archivio)

Continuano i controlli contro lo spaccio di stupefacenti in Piazza della Stazione. Questa volta a farne le spese sono stati quattro agenti di polizia, due della questura e altrettanti del commissariato San Giovanni, rimasti feriti nel corso di due arresti. 

I primi controlli sono scattati poco dopo le 14 nei pressi del McDonald's della stazione. Qui un cittadino senegalese si è rifiutato di fornire i propri documenti agli agenti, dando poi in escandescenza e ferendo due poliziotti. Gli agenti hanno riportato lesioni guaribili in dieci giorni. Indosso al cittadino straniero sono poi state trovate tre bustine di marijuana.

Qualche ora dopo, intorno alle 17 e trenta, un 39enne ciadiano ha colpito con una testata un agente del commissariato del centro storico dopo che era intervenuto durante uno scambio di stupefacenti tra il 39enne e tre giovani clienti. L'intervento dei poliziotti ha scatenato il fuggi fuggi e l'aggressione. Due anche in questo caso gli agenti feriti, entrambi in modo lieve (5 giorni di prognosi l'uno), facendo finire in manette il 39enne per resistenza a pubblico ufficiale.  

Accoltellato alla stazione

Sull'episodio è intervenuta anche il capogruppo della Lega in Consiglio comunale. “Massima solidarietà – dichiara Federico Bussolin – da parte di tutta la Lega ai poliziotti feriti per colpa di questi delinquenti spacciatori di morte. E' evidente che il problema non è il razzismo, ma a monte: a Firenze è sempre più allarme sicurezza. Serve una amministrazione sveglia, capace di farci sentire sicuri in casa nostra: mi auguro che Nardella approvi la nostra mozione sulle zone rosse. Firenze – conclude Bussolin – ha tutti gli strumenti per tornare sicura, basta aver coraggio”.

Sulla vicenda è intervenuta anche la Confesercenti. “Quanto avvenuto oggi pomeriggio nei pressi della Stazione Santa Maria Novella  è gravissimo, con 4 poliziotti costretti a ricorrere alle cure mediche a seguito di un intervento di contrasto al traffico di stupefacenti” commenta Santino Cannamela Presidente di Confesercenti Firenze. 

“Siamo naturalmente vicini e solidali con le forze dell’ordine che cercano soltanto di fare al meglio il proprio mestiere che è quello di far rispettare la legge e contrastare i fenomeni di criminalità quotidiana come lo spaccio di stupefacenti”. “Certo, -  continua Cannamela - la situazione di Piazza Stazione sta diventando insostenibile per la città: occorrono probabilmente interventi straordinari ed interforze, coordinati dalle autorità di pubblica sicurezza per debellare un fenomeno, quello dello spaccio di stupefacenti, ben radicato e certo non risolvibile (come poi dimostrato) con la chiusura temporanea di McDonald’s”. “Proprio nei giorni scorsi, - conclude il Presidente - “abbiamo chiesto a Prefetto e Questore un incontro per parlare, a nome delle imprese della città (anche) di questo tema: direi che a questo punto il confronto si rende ancora più urgente ed indifferibile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colossale truffa nel mondo del vino: Brunello e Champagne falsi

  • Coronavirus: 9 nuovi casi, focolaio a Impruneta

  • Tragedia in centro: muore a 28 anni in un incidente stradale / FOTO

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Il caso Palamara avvelena Firenze: giudice si prepensiona e accusa la presidente del Tribunale

Torna su
FirenzeToday è in caricamento