Sempre più smart working: anche a firenze

Regus inaugura il primo business center e spazio di co-working nella città in viale Matteotti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

L’ufficio tradizionale non è più la sola opzione per un’azienda, un libero professionista o un free lance all’inizio della carriera.

Lo smart working è sempre più diffuso a livello internazionale e anche in Italia. Secondo un recente studio del player dell’immobiliare IWG, nel Bel Paese 2 professionisti su 3 lavorano da remoto almeno 1 volta a settimana. Che non vuol dire necessariamente da casa.

Non fa eccezione Firenze, dove Regus - leader globale per gli spazi di lavoro flessibili – ha inaugurato da poco più di un mese un nuovo business center, il primo in assoluto nel capoluogo toscano: il Firenze Libertà.

Situato in posizione strategica su viale Matteotti, su una delle principali arterie cittadine, il business center si estende sui cinque piani di un edificio di carattere storico. Una superficie di quasi 2.000 metri quadrati, 53 uffici, 190 postazioni di lavoro singole, 28 postazioni di co-working, 3 sale riunioni e 8 parcheggi.

Ma come funziona esattamente? È sufficiente prenotare lo spazio: già arredato, provvisto di connessioni, utenze telefoniche e servizi di segreteria. Sia che serva un ufficio per più persone, solo una scrivania, una sala riunioni o una postazione in una lounge. Non vi sono limiti di tempo: si può usufruire dello spazio per diversi anni o anche solo per un’ora.

È addirittura possibile prenotare tramite una app scaricabile sul cellulare che, con un paio di clic, permette di accedere alla rete dei 50 business center di Regus in Italia, ma anche ai 3.200 distribuiti in 110 Paesi del mondo.

“Firenze si sta dimostrando particolarmente recettiva agli spazi di lavoro flessibile e allo smart working: abbiamo ritenuto che il tempo fosse ormai maturo per aprire il nostro primo business center, ma abbiamo grandi progetti per la città - ha commentato Mauro Mordini, Country Manager Regus Italia -. Firenze può diventare una città teatro della rivoluzione globale resa possibile dall’innovazione tecnologica, proprio come Milano e Roma".

Torna su
FirenzeToday è in caricamento