Bagno a Ripoli, sicurezza: al via le candidature per i gruppi di 'controllo di vicinato'

Un progetto promosso da Comune e polizia municipale d'intesa con la Prefettura

Controllo di vicinato: a Bagno a Ripoli diventa operativo il “gioco di squadra” tra cittadini e forze dell'ordine per un presidio sempre più capillare del territorio. Un progetto promosso da Comune e polizia municipale d'intesa con la Prefettura, che prevede la realizzazione di gruppi di cittadini incaricati di vigilare i quartieri con il coordinamento e un dialogo costante con le forze dell'ordine, al fine di identificare e prevenire eventuali fattori di rischio e migliorare la qualità della vita e il decoro urbano. I cittadini che vogliono partecipare da oggi possono farsi avanti e scrivere una mail all'indirizzo: polizia.municipale@comune.bagno-a-ripoli.fi.it. Nelle prossime settimane saranno effettuati colloqui e incontri con tutti coloro che faranno richiesta e successivamente le persone selezionate dagli agenti seguiranno un corso di formazione che spiegherà nel dettaglio i compiti e le regole del “controllo di vicinato”. 

“Non ci saranno 'sceriffi' nè 'cacciatori di taglie' nei gruppi. I cittadini avranno solo il compito di segnalare un'anomalia, come un movimento di auto sospetto, la presenza di persone che non si sono mai viste prima nei pressi della propria abitazione o nella propria strada, al coordinatore del gruppo, che a sua volta avvertirà i nostri agenti facendo scattare un controllo. Saranno solo i referenti e non i singoli cittadini ad avere quindi un contatto diretto con la polizia locale. E deve essere chiaro che un cittadino che fosse testimone di un crimine, di una flagranza di reato o di una situazione di pericolo per l'incolumità delle persone non deve rivolgersi al gruppo di vicinato ma telefonare immediatamente ai numeri dell'emergenza 112, 113 e al numero della Polizia municipale 055.631111”, spiega il comandante della Polizia municipale Filippo Fusi. Il ruolo di collegamento tra i coordinatori dei gruppi e la Polizia municipale sarà rivestito da Maurizio Andorlini, già comandante della polizia municipale di Bagno a Ripoli, Fiesole e Sesto Fiorentino.  Il regolamento del “controllo di vicinato” previsto dal Comune è molto rigido per le prescrizioni relative alla privacy. Per chi aderisce ad esempio c'è il divieto assoluto di divulgare ogni tipo di informazione emersa durante il controllo di vicinato. Allo stesso modo sono severamente vietate forme di pattugliamento del territorio.

“Il controllo di vicinato non ha niente a che fare con ronde, sentinelle che girano per il quartiere in pettorina o cose simili – spiega il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini – Anzi, nasce proprio per scongiurare iniziative di questo tipo e azioni personali o collettive che spesso sono improvvisate e in quanto tali molto pericolose. Gruppi su whatsapp di cittadini che monitorano il territorio esistono già ma adesso potranno essere compresi in un progetto strutturato a contatto con istituzioni e forze dell'ordine per fornire informazioni tempestive e qualificate alle autorità competenti. Tutto sarà coordinato da chi si occupa di sicurezza per lavoro ed è formato per questo scopo, cioè dai nostri agenti di polizia municipale in collegamento con le forze dell'ordine. Aderire significa mettere in campo un nuovo strumento di difesa passiva ma anche promuovere e ricreare una 'intelligence da marciapiede', ossia in altre parole il vecchio spirito di comunità, a partire dalla conoscenza di chi abita nel nostro stesso palazzo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggio e uova richiamati per rischio contaminazione

  • Lavaggi in lavatrice senza sapone con le "sfere magiche": ecco la novità | FOTO

  • Incidente in via Nardi: scooter travolto da auto, 22enne gravissima

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Gavinana: senzatetto morta nei giardini / FOTO

  • Parcheggi su strisce blu: gratis per tutti i residenti a partire dal 30 marzo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento