Sgombero allo stabile dell'ex Agenzia dell'Entrate: dentro 200 persone / FOTO

Sul posto numerosi mezzi e uomini della polizia

Si è svolto oggi da parte della polizia e dei carabinieri lo sgombero di un edificio occupato in via Panciatichi, alla periferia Nord di Firenze.

Il grande immobile è l'ex sede dell'Agenzia delle Entrate, attualmente di proprietà di una banca ed occupato due anni fa, dopo un periodo nel quale l'edificio era rimasto in stato di abbandono. Lo sgombero è avvenuto a seguito di un decreto di sequestro preventivo emesso dall'autorità giudiziaria.

Dentro la struttura sono state trovate circa 200 persone. In gran parte si tratta di famiglie, con oltre 40 bambini che vivevano all'interno della struttura.

Sono soprattutto di richiedenti asilo, diversi dei quali in passato sgomberati da altre occupazioni, provenienti da Eritrea, Somalia, Ghana, Nigeria. Presenti anche persone provenienti da Romania, Senegal, Marocco e circa una decina di italiani.

Il Comune ha spiegato di avere offerto sitemazione ai 'soggetti fragili', rivendicando con gli assessorei al sociale e alla sicurezza Sara Funaro e Federico Gianassi "la 42esima struttura liberata da inizio mandato".

“Tra le persone che occupavano l'immobile sono stati accolte le situazioni di fragilità: circa 40 bambini con le famiglie, 5 casi sanitari e 10 soggetti deboli, ospitati nelle strutture ordinarie. Tra le varie soluzioni abbiamo scelto di utilizzare temporaneamente anche la foresteria Pertini, a Sorgane, dove saranno accolte - spiega Funaro -, le persone fragili, in particolare i minori”.

Diversi occupanti però dichiaravano questa mattina di non sapere dove andare e che cercheranno sistemazione da amici o conoscenti.

"Sono qui da due anni, ho i documenti in regola, lavoravo da giardiniere, poi ho perso il lavoro. Non so dove andrò", dice Erik, 43enne originario del Ghana. Una donna nigeriana viene aiutata da Giovanni, aderente all'Avo, Associazione volontari ospedalieri: "Ha il figlio 34enne paralizzato, lei viveva nell'occupazione. Per il momento - dice mentre è già in auto con la donna -, la ospito qualche giorno a casa mia".

Presenti alcuni esponenti del Movimento per la Casa. "Dovevano avvisare. Siamo di fronte a persone, non numeri. C'è chi andato a lavoro e ha lasciato nella struttura documenti, medicine, beni personali. E i bambini che tornano da scuola da un giorno all'altro non trovano più quella che era casa loro", protesta Marzia Mecocci.

Critiche arrivano anche dalla consigliera di Potere al Popolo Miriam Amato ("E' la povertà che costringe le persone ad occupare un immobile abbandonato, in una città in cui l'emergenza abitativa è lungi dall’essere risolto"), e dal sindacato Asia Usb: "Si continua con gli sgomberi senza offrire soluzioni vere, mentre aumenta il numero di case lasciate vuote".

Soddisfatto invece il sindaco Dario Nardella. "Grazie alle forze dell'ordine, ai servizi sociali e ai residenti che hanno avuto fiducia in noi e che ora possono vivere con maggiore tranquillità. Con questo risultato la nostra città dimostra che, attraverso un lavoro di squadra, legalità e solidarietà possono stare insieme", scrive il sindaco su Facebook.

Le operazioni di sgombero sono terminate a sera, svolte senza grosse tensioni, con gli occupanti impegnati a recuperare i propri beni. Sul posto, oltre a numerosi uomini della polizia, intervenuta con 6 camionette (e nel pomeriggio i carabinieri) anche i servizi sociali del Comune e operatori della Caritas.

Potrebbe interessarti

  • 10 idee per una gita fuori porta in Toscana per Ferragosto

  • Accadde oggi: il film Amici miei arriva al cinema

  • Furti in casa: tornano i contributi per l’installazione degli allarmi

  • "Non ci resta che piangere": 35 anni dopo il film in piazza del Carmine

I più letti della settimana

  • Lite per il parcheggio finisce nel sangue: muore residente a Sesto

  • Incendio all'Isolotto: colonna di fumo sulla città

  • Addio allo stress da posto fisso: così amore e viaggio ci hanno cambiato la vita

  • Incidente in montagna sulle Dolomiti: muore escursionista fiorentino

  • Terremoto: nuova scossa, la terra trema ancora

  • Terremoto a Forlì Cesena: la scossa sentita anche in provincia di Firenze

Torna su
FirenzeToday è in caricamento