Sesto fiorentino: rifiuti pericolosi abbandonati in strada / FOTO

Due uomini segnalati all'Autorità giudiziaria

I forestali davanti ai rifiuti

I carabinieri forestali durante un servizio di controllo nel comune di Sesto Fiorentino in località Mollaia e più precisamente nel Parco della Piana, hanno visto che a margine di una strada sterrata erano stati abbandonati sul suolo dei rifiuti speciali anche pericolosi.

Il materiale accatastato era costituito da tubi fluorescenti ed altra tipologia contenenti mercurio.

E poi erano state abbandonate apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso, quali plafoniere, lampade tipo neon, cornette di telefono, modem, schermi di PC, stampanti, apparati  telefonici ...

Da un’attenta ispezione di quanto abbandonato sono stati rilevati indizi utili per proseguire le indagini. Le attività d’indagine condotte nei giorni seguenti hanno portato all’individuazione dei responsabili dell’abbandono, identificati nel Legale
Rappresentante di una ditta.

L'uomo si era disfatto dei rifiuti sopra indicati affidandoli a un soggetto non autorizzato a svolgere tale attività, il quale non potendoli conferire a un centro autorizzato, per mancanza di iscrizione all’Albo Gestori Ambientali e al Formulario di Identificazione del Rifiuto, li ha abbandonati al suolo.

Le due persone sono state segnalate all’Autorità giudiziaria 

L’attività dei carabinieri forestali prosegue incessante per cercare di debellare questo triste fenomeno che è sempre più frequente nell’area della Piana fiorentina.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fratelli morti in hotel, l'autopsia: arresto cardiorespiratorio da intossicazione di stupefacenti

  • Stazione di Rifredi: ragazza muore investita dal treno / FOTO

  • Sylvie Lubamba: “Sono in crisi, ho chiesto il reddito di cittadinanza" 

  • 'Miss Nonna Italiana 2019': premiata anche una fiorentina

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Parcheggi sulle strisce blu: “Dal 2020 gratis per i residenti in tutte le Zcs”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento