Sequestrata e violentata in casa da un connazionale

Vittima in stato di shock. Fermato un 33enne 

Presa alle spalle durante una passeggiata serale e trascinata sotto minaccia fino all'abitazione del suo aguzzino dove ha avuto inizio la notte da incubo di una 32enne. Lei conosceva di vista quell'uomo, 33enne marocchino, che dapprima l'ha sopresa alle spalle e poi l'ha afferrata per i capelli fino a portarla in un'abitazione di Careggi.

Durante il tragitto l'avrebbe anche stordita costringendola a bere alcol. Una volta arrivati in casa l'avrebbe picchiata, palpeggiata e poi ne avrebbe abusato costringendola a rimanere ore nella camera da letto. La donna è uscita dall'ospedale di Careggi con un prognosi di una settimana.

Il fratello della vittima ha chiesto aiuto alla polizia non vedendo rientrare la 32enne. Gli agenti sono riusciti a rintracciare lo smartphone della donna, riuscendo a risalire alla casa del 33enne. Quando sono entrati i poliziotti hanno trovato la donna in lacrime e in stato di shock.

Il 33enne, con precedenti per lesioni e reati contro il patrimonio (nel 2010 fu accusato di tentato omicidio) è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto per sequestro di persona, violenza sessuale, lezioni e minacce. Lunedì il giudice deciderà sulla convalida del fermo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, altro caso sospetto a Firenze: il secondo tampone è positivo

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Coronavirus: due i casi positivi in Toscana, dopo Firenze anche Pescia

  • Coronavirus: altri due contagiati a Firenze

  • Coronavirus: anche in Toscana nuove misure per chi torna dalla Cina

  • Coronavirus, Rossi: "No alla chiusura di scuole o stop ai concorsi"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento