Senzatetto trovato morto in strada: ipotesi ipotermia

In via Santa Caterina d'Alessandria. Deceduto per il freddo

Un senzatetto di 49 anni è stato trovato morto ieri sera sul marciapiede di via Santa Caterina d'Alessandria, nel centro storico. Sul posto, nei pressi dell'edificio che accoglie l'Agenzia delle Entrate, sono intervenuti poco dopo le 23.30 i sanitari del 118 e le volanti della polizia, allertate dai passanti. Ma per il clochard, Dumitru Panait, di nazionalità romena, non c'era già più niente da fare.

Secondo i primi accertamenti degli agenti, potrebbe trattarsi di una morte naturale dovuta a un malore. La procura, tuttavia, non esclude che al clochard possa essere stata fatale un'ipotermia: il senzatetto potrebbe essere morto per il freddo. Per questo il pm di turno, il sostituto procuratore Beatrice Giunti, ha ordinato un esame autoptico esterno sulla salma dell'uomo.

In tasca, quando è stato trovato, il senzatetto aveva un documento di identità e 2.700 euro. Appreso della morte del clochard - che non risulta risiedesse a Firenze ed era sconosciuto ai servizi sociali, cui non era mai stato segnalato - il Comune ha espresso il proprio cordoglio per quanto accaduto.

Soltanto pochi giorni fa, l'assessore al Welfare del Comune di Firenze Andrea Vannucci aveva lanciato un appello ai fiorentini, invitandoli a "segnalare le persone che dormono per strada o nei giardini pubblici, così faremo intervenire gli operatori delle Unità di strada". Vannucci aveva anche invitato "chi ha coperte o sacchi a pelo che non utilizza più, a donarli alle associazioni che sono impegnate nel servizio di accoglienza invernale”. Ovvero Caritas, Croce Rossa, Misericordia e Fratellanza Militare.

Il servizio di accoglienza invernale per i senza dimora, destinato a cittadini italiani e stranieri, uomini maggiorenni, donne sole, residenti o presenti sul territorio del Comune di Firenze, si concluderà il 31 marzo prossimo, con possibilità di eventuale proroga legata alle condizioni climatiche avverse che potranno presentarsi. Per i senza dimora si sono aperte le porte dell’Orologio (50 posti), della Foresteria Pertini (86 posti) e della struttura di San Martino a Scandicci (15 posti).
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mick Jagger si trasferisce a Firenze

  • Scappano dal ristorante al mare senza pagare: 5 giovani fiorentini rintracciati e riportati a saldare il conto

  • Scosse di terremoto nel Fiorentino

  • Natalie Portman, lettera d'amore a Firenze: "La magia delle celle dei frati affrescate a San Marco, il gelato e..."

  • Coronavirus: 7 nuovi casi e 4 decessi

  • Rissa all'Isolotto: resa dei conti in strada

Torna su
FirenzeToday è in caricamento