Sciopero lavoratori Sirti a Calenzano: più di 800 esuberi in tutta Italia

Quattro ore di astensione dal lavoro e assemblea

Immagine di repertorio

Martedì 19 febbraio i lavoratori Sirti di Calenzano saranno in sciopero contro l'annuncio di 833 esuberi su 3692 addetti a livello nazionale. 

Quattro ore di sciopero dalle 8  alle 12 con assemblea dalle 9 alle 10 nel cantiere della Sirti di Calenzano a seguito dell'annuncio da parte dell'azienda di apertura di un'imminente procedura di licenziamento collettivo a livello nazionale.

Sirti, azienda storica e leader in Italia nel settore delle istallazioni, manutenzioni di reti telefoniche e ponti radio, a Calenzano conta oltre 60 dipendenti. Ha comunicato giovedì scorso alle organizzazioni sindacali Fim, Fiom e Uilm e al Coordinamento Rsu l'avvio delle procedure per esuberi d'organico, in tutto il territorio nazionale, di 883 tra operai e impiegati su 3692 addetti (quasi 1/4 della forza lavoro) con tagli massicci in quasi tutti i reparti. 

Immediata la reazione sindacale con la proclamazione dello stato di agitazione con scioperi ed assemblee, con articolazione territoriale, in tutti i siti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Statuto: donna cade dentro la botola di un bar, recuperata dai vigili del fuoco

  • Cronaca

    Atterra in città con 200 pasticche di metadone nei bagagli: denunciata 63enne

  • Cronaca

    Incidente raccordo Firenze-Siena, bus nella scarpata: arrestato l'autista

  • Cronaca

    Blatte in cucina e gravi carenze igieniche: chiuso ristorante giapponese

I più letti della settimana

  • Blitz dei Nas in ristorante giapponese: anomalie nell'abbattimento del pesce

  • Incidente stradale, auto fuori strada: morto un giovane di 26 anni

  • Giovane detenuto morto nel carcere di Sollicciano

  • Autostrada A1: auto in fiamme in galleria, tratto chiuso e poi riaperto. Lunghe code

  • Arriva Matteo Salvini: annunciata contestazione

  • Elezioni comunali Firenze 2019: come si vota

Torna su
FirenzeToday è in caricamento