L'Ataf si ferma per 4 ore: disagi per chi rientra tra le 17:30 e le 20:30

E' sciopero oggi per i servizi dell'Ataf che saranno fermi per quattro ore: dalle 17:30 alle 20:30 i bus e dalle 20:30 fino a fine servizio la tramvia. Le proteste riguardano i tagli applicati dal governo ai trasporti pubblici

Continuano a crescere le tensioni in casa Ataf a causa dei tagli del governo ai trasporti pubblici. Oggi saranno quattro le ore in tutto di stop concentrate nell'orario di rientro da lavoro, dalle 17 e 30 alle 21 e 30 si fermeranno gli autisti dei bus e dalle 20.30 fino a fine servizio quelli della tramvia. Chi viaggia in bus e in tramvia dovrà fare i conti oggi con possibili disagi.

«Nessuno ci ha informato sulle ripercussioni che questi tagli avranno su Ataf – denuncia Alessandro Nannini, coordinatore della rsu – vogliamo essere informati su nostro futuro e sulle prospettive dell'azienda». A gennaio i tagli diventeranno una realtà e le aziende di trasporto dovranno fare i conti con minori entrate.

Questo si tradurrà in una riorganizzazione del servizio: «Cercheremo di mantenere le corse per i pendolari e gli studenti – afferma l'assessore provinciale ai trasporti Stefano Giorgetti – ma dovremo tagliare almeno 4 milioni di chilometri di percorrenza dei bus. Pensiamo di diminuire il servizio nei giorni festivi e tagliare le ultime corse, dove possibile. Non saranno cambiamenti unilaterali nelle diverse città, terremo conto delle necessità del territorio».

Ma lo scontro fra sindacati e azienda riguarda anche vecchie questioni irrisolte: «Da quando è stata abbattuta la pensilina di Toraldo di Francia – afferma Americo Leoni della Faisa – gli autisti di riserva o che attendono i cambi di turno alla stazione di Santa Maria Novella non sanno dove andare». E poi c'è il problema dei permessi per la sosta accanto al deposito di viale dei Mille e in via Aleardi. In passato Ataf metteva a disposizione 40 abbonamenti per coloro che arrivavano la mattina preso per far partire le prime corse, e quindi erano costretti a usare il mezzo privato: «Con i nuovo piano sosta ci sono stati tolti – denuncia Nannini – non si tratta di un privilegio, ma di un'esigenza legittima di chi è impossibilitato a prendere il mezzo pubblico».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 9 nuovi casi, focolaio a Impruneta

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Il caso Palamara avvelena Firenze: giudice si prepensiona e accusa la presidente del Tribunale

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento