Bagnolo srls di Calenzano: lavoratori in sciopero della fame davanti ai cancelli

L'allarme dei sindacati: "Situazione estrema"

Lavoratori in presidio permanente e in sciopero della fame dai ieri, dopo essersi attrezzati con sedie gazebo: drastica la decisione dei dipendenti della Bagnolo srls di Calenzano, e a lanciare l'allarme sono i sindacati.

Attraverso una nota, la Cgil informa: "Questa è la situazione estrema che si sta verificando davanti ai cancelli della Bagnolo Srls (ditta di Calenzano che si occupa di pronto moda e stireria, circa 25 dipendenti) - si legge -  I lavoratori due giorni fa sono stati allontanati dall’azienda dal proprietario, che ha detto di non avere i soldi per pagare loro lo stipendio (per il secondo mese consecutivo). I lavoratori, tutti stranieri di cinque nazionalità diverse (Afghanistan, Bangladesh, Costa d’Avorio, Senegal, Pakistan), raccontano che lavoravano (anche per conto di noti marchi della moda) più ore del dovuto (e non retribuite) secondo il loro contratto (un part time)".

"I lavoratori e la Filctem Cgil sono in presidio davanti ai cancelli dell’azienda in via Baldanzese 149 a Calenzano - sottolinea la nota -  con l’obiettivo di incontrare la proprietà (che ha rimandato a un incontro per martedì prossimo). Nel corso della mattinata, sono stati visti diversi clienti venuti a ritirare scatoloni".

Chiara la Filctem Cgil: “Si ripropone con forza il tema della trasparenza della filiera e della legalità nei settori produttivi, chiederemo l’interessamento delle istituzioni sulla vertenza. Intanto restiamo qui al presidio permanente dei lavoratori, che sono letteralmente disperati: non sanno come pagare l’affitto di casa e di come provvedere alle famiglie, hanno diritto a essere ascoltati ed aiutati”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Via de'Pucci: chiuso lo Shot Cafè

  • Stazione di Rifredi: ragazza muore investita dal treno / FOTO

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Crac Costruzioni Margheri: sette condanne per bancarotta

  • Carceri: sesso per i detenuti, chiesto intervento della Regione  

  • San Jacopino: allarme bomba / FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento