Scandalo parcheggi, la Sas: "Sospeso lo stipendio ai vigilini coinvolti"

Niente "corresponsione della retribuzione" ai dipendenti già sospesi. La partecipata si costituirà parte civile

I nove dipendenti di Sas, Servizi alla Strada, coinvolti nell'indagine della procura e della polizia municipale di Firenze sullo "scandalo parcheggi", sono stati sospesi dal lavoro senza corresponsione della retribuzione, con provvedimento del 16 gennaio scorso. Ad annunciarlo è stata la stessa società partecipata del Comune di Firenze, che si occupa di viabilità e sosta.

Per tre dei vigilini coinvolti nell'inchiesta che vede 35 persone indagate (con 11 arresti), la decorrenza del provvedimento è stata anticipata al 14 gennaio. Per gli altri invece è scattato dal 18 gennaio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si tratta soltanto del primo passo, in quanto nei prossimi giorni la società Sas, presa piena conoscenza degli atti processuali, contesterà agli indagati le rispettive responsabilità e inizierà i procedimenti disciplinari" spiegano dalla società partecipata del Comune. Sas, inoltre, "ha già depositato al gip la nomina di parte offesa e si costituirà parte civile nel processo penale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: stop ai voli, rinvio per le discoteche

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Marina di Castagneto: fiorentino muore dopo un bagno

  • Mick Jagger si trasferisce in Toscana: "E' innamorato, forse rimane"

  • Entra in funzione 'PagoPA', addio verbale rosa sull'auto: come cambiano le multe

  • Emergenza coronavirus non impatta sul mattone: Firenze città più cara d'Italia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento