Santa Croce: visita storica del principe giordano El Hassan bin Talal

Ottocento anni fa l’incontro tra San Francesco e il Sultano

La visita del principe

Santa Croce, luogo simbolo della spiritualità francescana, si conferma ponte tra Oriente e Occidente. Nei giorni scorsi una visita speciale, quella del principe giordano El Hassan bin Talal, fratello di re Hussein (marito di Rania), grande tessitore del dialogo tra Oriente e Occidente, ha confermato questa vocazione. Il principe è stato accolto dal consigliere Giulio Conticelli che ha promosso l’incontro e dal segretario generale dell’Opera, Giuseppe De Micheli.

“Non è casuale questo incontro che si collega all’anniversario della straordinaria missione di pace di Francesco d’Assisi che, esattamente 800 anni fa, nell’autunno del 1219, attraversò disarmato le linee della quinta crociata e incontrò il Sultano d’Egitto”, mette in evidenza don Alessandro Andreini, vicepresidente dell’Opera.

E qui torna in campo la basilica di Santa Croce: la Custodia francescana di Terra Santa ha infatti scelto l’immagine dello storico incontro immortalato nelle Storie di Francesco della Pala Bardi come logo che accompagnerà tutte le celebrazioni e gli eventi che saranno organizzati nel corso di quest’anno. Del resto l’incontro tra Francesco e il Sultano ha grande rilevo nella basilica grazie anche a Giotto che, nella Cappella Bardi, ne fa un racconto iconografico magistrale.

“L’Opera di Santa Croce, a cui è affidata la custodia e la valorizzazione della basilica, e la comunità francescana che anima la vita liturgica e pastorale di Santa Croce, vogliono dare rilievo a questo anniversario, il cui messaggio di dialogo e di pace è di straordinaria attualità - annuncia don Alessandro Andreini  - Per questo stiamo organizzando alcune iniziative con l’obiettivo dir rimettere a fuoco la grandezza profetica del gesto di Francesco Si tratta di un progetto che assume un significato particolare proprio a Firenze, la città che, grazie alla visione profetica del sindaco Giorgio La Pira e di molte altre figure illuminate del recente passato, ha dato il suo contributo allo sviluppo di buone e fraterne relazioni tra tutti i popoli che si affacciano sul Mediterraneo e non solo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 9 nuovi casi, focolaio a Impruneta

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Il caso Palamara avvelena Firenze: giudice si prepensiona e accusa la presidente del Tribunale

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

Torna su
FirenzeToday è in caricamento