Sesto Fiorentino, azienda Roberto Cavalli: lunedì dipendenti in sciopero

I dipendenti si incontreranno sotto la sede della Regione

Foto archivio

"Le rappresentanze sindacali Filtem Cgil e Femca Cisl, unitamente alle Rsu del sito di Sesto Fiorentino, denunciano la grave situazione di incertezza della Roberto Cavalli dovuta alla prematura decisione della Italmobiliare S.p.a , nella persona di Carlo Pesenti, in qualità di Consigliere Delegato e Direttore Generale, cui fa capo il fondo Clessidra, di disimpegnarsi dall’investimento e di presentare una richiesta di pre-concordato per l’azienda.Questo nonostante le trattative in corso per la vendita al gruppo americano Blue Star Alliance".

La lunga nota a firma di Filctem Cgil e Femca Cisl Firenze, pone l'accento anche sulle possibili ripercussioni: "La conseguenza di tale procedura, la cui apertura è prevista per il 1° aprile, oltre ad avere gravi ripercussioni sul piano di sviluppo che l’azienda intende intraprendere, potrebbe aprire la possibilità di consegnare agli ammortizzatori sociali l’immediato futuro dei lavoratori e lavoratrici del sito, senza alcuna garanzia di continuità per il futuro - si legge - La richiesta delle maestranze è quella di scongiurare non solo il rischio di una cassa integrazione ma anche tutte le conseguenze che questa possa comportare: non saranno infatti accettate soluzioni che comportino decurtazioni salariali anche minime dei lavoratori e delle lavoratrici".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E ancora: " Chiediamo, quindi, che chi in questi giorni sta decidendo del futuro di oltre 270 famiglie, sia consapevole del fatto che la gestione ed il futuro di un’impresa devono necessariamente passare attraverso il buon senso ed un comportamento eticamente corretto nei confronti dei lavoratori che per anni hanno lavorato per un marchio storico del made in Florence, apprezzato nel mondo ancora da tante donne. Stante la gravità della situazione, verranno intraprese nell’immediato le azioni di lotta necessarie perché sia preservato il rispetto della dignità dei lavoratori stessi e il futuro dell’azienda ed è, dunque, previsto un primo sciopero per la giornata del 1° aprile con presidio davanti alla Regione Toscana in Piazza Unità d’Italia dalle 9,30".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Le Frecce tricolori volano "a domicilio": il giro d'Italia passa da Firenze

  • Palazzo Vecchio senza soldi, Nardella: “Vado a cercarli in Cina”

  • Fase 2: hotel al collasso, lavoratori alla fame. Confindustria Firenze: "Situazione sociale sarà drammatica"

  • Tramvia, Nardella annuncia modifiche: arriverà vicino al Duomo

  • Coronavirus: 3 nuovi casi, 6 decessi. Punto più basso dei ricoverati dal 9 marzo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento