Rifredi, la denuncia: "Da 14 giorni Alia non passa a ritirare i rifiuti ingombranti" / FOTO

La denuncia di una residente

I rifiuti sul marciapiede di via Agnoletti

Una nostra lettrice dichiara che: "Il 28 febbraio scorso ho chiamato Alia per informarla che lunedì avrei messo dei rifiuti ingombranti sul marciapiede di via Agnoletti, dopo che il ritito, su comunicazione di Alia, era stato fissato per il 1° marzo".

La donna ha richiamato Alia perché il lunedì i rifiuti erano ancora sul marciapiede, le hanno detto che entro 24-48 ore sarebbero venuti a riprendere i rifiuti.

Mercoledì scorso i rifiuti erano sempre lì e la donna ha richiamato Alia, dicendole che sarebbero venuti a prenderli.

Il giorno dopo i materiali erano ancora sul marciapiede in più c’era un televisore (un rifiuto pericoloso). La donna ha contattato l’azienda dei rifiuti per denunciare la situazione. "Mi hanno detto di mandare una e-mail ad Alia ma la risposta dell’azienda è stata una e-mail automatica".

Questo martedì la donna ha trovato sul marciapiede un pancale e una lucidatrice (altro rifiuto pericoloso).

Oggi dopo 14 giorni i rifiuti (anche pericolosi) sono stati portati via da Alia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Largo Annigoni, derubati e poi pestati di botte: gravi due giovani

  • Elezioni comunali 2019

    Elezioni 2019, Marcheschi: "Faccio un passo indietro se centro-destra ha candidato unitario"

  • Cronaca

    Droga: professore sorpreso a comprare marijuana

  • Cronaca

    Risse e violenza: chiuso noto locale del centro storico

I più letti della settimana

  • Festa del papà: perché in Toscana si dice “babbo”

  • Siria: ucciso dall'Isis giovane combattente fiorentino

  • Rissa fra genitori: partita sospesa, bambini in lacrime

  • Ucciso dall'Isis, la lettera d'addio di Lorenzo: “Sono morto facendo quello che ritenevo giusto”

  • Autostrada A1: incidente tra mezzi pesanti, un morto

  • Concorsi pilotati a Careggi: 8 professori interdetti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento