Risciò a nero? Presentato un esposto alla Guardia di Finanza | VIDEO

Il filmato ritrae un esercente regolare che rilascia ricevuta in bianco

"Fammi la ricevuta", "no, ma dammene una vera, questo è un blocchetto vergine senza intestazione". E' così che un video ha scoperto a Firenze la possibile presenza di risciò che non rilascerebbero ricevute regolari. Quello dei risciò, fra abusivismo e regole poco chiare, torna alla ribalta delle cronache grazie ad un esposto presentato questa mattina alla Guardia di Finanza da Maurizio Martigli, fiorentino senza troppi riguardi nei confronti dei "potenti", che già si è contraddistinto per audaci battaglie alla ricerca della legalità.

Il video incriminato mostra un risciò che prende 10 euro di tariffa ad una persona trasportata da piazza Duomo alla stazione. Il video ha totalizzato su Facebook circa 7mila visualizzazioni ed è stato consegnato insieme all'esposto. Proprio nei giorni scorsi era riemerso in città il problema della selva di autorizzazioni del settore. Saranno ora le fiamme gialle a verificare quanto denunciato. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      L'Adorazione dei Magi di Leonardo come non l'avete mai vista | FOTO / VIDEO

    • Politica

      Bando comunale per fotografo gratis: l'assessore non dà spiegazioni

    • Cronaca

      L'Arco di Palmira in piazza della Signoria | FOTO

    • Cronaca

      L'Arco di Palmira in piazza della Signoria | FOTO

    I più letti della settimana

    • Incidenti stradali, schianto in scooter a piazzale Donatello: morto il 20enne ricoverato

    • Incidenti stradali, morto un 23enne in viale Redi

    • Stazione, mega rissa dentro al McDonald's ripresa con il cellulare / VIDEO

    • Campi Bisenzio, trovato tra le case il cadavere di un uomo / FOTO

    • Movida: notte folle in centro, fumogeni e cori da stadio / FOTO - VIDEO

    • Piazza Santa Maria Novella: urinano su chiesa e ambulanze, poi maxi rissa / FOTO

    Torna su
    FirenzeToday è in caricamento