Recupero dell’ex ospedale San Gallo: negozi, case e hotel di lusso / FOTO

Presentato il progetto di recupero della grande area tra via Cavour e via San Gallo, a due passi da San Marco

Negozi, case e grand hotel con vasca idromassaggio con vista sul Duomo. Sono previsti dal progetto vincitore per il recupero dell’ex Ospedale San Gallo, presentato questa mattina nell'ex caserma Cavalli in piazza Cestello (e qui visionabile dal pubblico fino al prossimo 14 aprile).

Il futuro masterplan dell’area si ispirerà a progetto vincitore, presentato dal gruppo di progettisti composto da Fabrizio Rossi Prodi, Silvia Viviani, Emiliano Diotiaiuti, Tekne, Studio De Vita & Schulze, progetto che prevede un mix di funzioni tra cui quella turistico-ricettiva prevista dal bando e l’uso di spazi aperti alla cittadinanza come chiostri, giardini e piazze.

L'area dell'ex Ospedale San Gallo è una grande area (si parla di oltre 16mila metri quadri) racchiusa tra via Cavour e via San Gallo, nei pressi di piazza della Libertà, all'interno dei viali. L'area è di proprietà di Cassa Depositi e Prestiti, che l'ha ricevuta dal Demanio nel 2014. Il Comune ha poi bandito, nel settembre scorso, il concorso per il recupero.

Per ora l'intero complesso è soggetto a vincoli, e prima di poter procedere alla realizzazione del recupero è necessaria una variante urbanistica, che, stando alle dichiarazioni dell'assessore all'urbanistica Giovanni Bettarini, dovrebbe poter arrivare entro un anno.

Poi dovranno essere trovati i privati che avranno voglia di investire e metterci i soldi: come base di partenza per il recupero si parla di almeno 25/30 milioni di euro. Il progetto, che però è passibile di modifiche, prevede di destinare il 60% delle metrature al nuovo albergo da costruire, destinando il 30% al residenziale (case) e il 10% al commerciale (negozi).

L'area dall'Unità d'Italia ad oggi, prima di cadere in disuso, era stata utililizzata come ospedale militare, dopo avere fuso insieme i conventi di San Clemente, di Sant'Agata e di Santa Lucia, risalenti al XII secolo.

Come si può vedere dalle foto, il progetto prevede anche l'abbattimento di alcune parti del muro presente adesso in via Cavour (anch'esso per ora sottoposto a vincolo) e la creazione di alcuni spazi aperti alla città, oltre ad una nuova strada di collegamento tra via Cavour e via San Gallo. La documentazione del concorso è raccolta nel sito www.progettosangallo.it.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mick Jagger si trasferisce in Toscana: "E' innamorato, forse rimane"

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: stop ai voli, rinvio per le discoteche

  • I borghi più belli della Toscana da visitare assolutamente

  • Marina di Castagneto: fiorentino muore dopo un bagno

  • Entra in funzione 'PagoPA', addio verbale rosa sull'auto: come cambiano le multe

  • Incendio al ponte all'Indiano, ripercussioni sul traffico / FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento