Recupero dell’ex ospedale San Gallo: negozi, case e hotel di lusso / FOTO

Presentato il progetto di recupero della grande area tra via Cavour e via San Gallo, a due passi da San Marco

Negozi, case e grand hotel con vasca idromassaggio con vista sul Duomo. Sono previsti dal progetto vincitore per il recupero dell’ex Ospedale San Gallo, presentato questa mattina nell'ex caserma Cavalli in piazza Cestello (e qui visionabile dal pubblico fino al prossimo 14 aprile).

Il futuro masterplan dell’area si ispirerà a progetto vincitore, presentato dal gruppo di progettisti composto da Fabrizio Rossi Prodi, Silvia Viviani, Emiliano Diotiaiuti, Tekne, Studio De Vita & Schulze, progetto che prevede un mix di funzioni tra cui quella turistico-ricettiva prevista dal bando e l’uso di spazi aperti alla cittadinanza come chiostri, giardini e piazze.

L'area dell'ex Ospedale San Gallo è una grande area (si parla di oltre 16mila metri quadri) racchiusa tra via Cavour e via San Gallo, nei pressi di piazza della Libertà, all'interno dei viali. L'area è di proprietà di Cassa Depositi e Prestiti, che l'ha ricevuta dal Demanio nel 2014. Il Comune ha poi bandito, nel settembre scorso, il concorso per il recupero.

Per ora l'intero complesso è soggetto a vincoli, e prima di poter procedere alla realizzazione del recupero è necessaria una variante urbanistica, che, stando alle dichiarazioni dell'assessore all'urbanistica Giovanni Bettarini, dovrebbe poter arrivare entro un anno.

Poi dovranno essere trovati i privati che avranno voglia di investire e metterci i soldi: come base di partenza per il recupero si parla di almeno 25/30 milioni di euro. Il progetto, che però è passibile di modifiche, prevede di destinare il 60% delle metrature al nuovo albergo da costruire, destinando il 30% al residenziale (case) e il 10% al commerciale (negozi).

L'area dall'Unità d'Italia ad oggi, prima di cadere in disuso, era stata utililizzata come ospedale militare, dopo avere fuso insieme i conventi di San Clemente, di Sant'Agata e di Santa Lucia, risalenti al XII secolo.

Come si può vedere dalle foto, il progetto prevede anche l'abbattimento di alcune parti del muro presente adesso in via Cavour (anch'esso per ora sottoposto a vincolo) e la creazione di alcuni spazi aperti alla città, oltre ad una nuova strada di collegamento tra via Cavour e via San Gallo. La documentazione del concorso è raccolta nel sito www.progettosangallo.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentati furti in casa: attenti alle fascette di plastica 

  • Formaggio e uova richiamati per rischio contaminazione

  • Gavinana: senzatetto morta nei giardini / FOTO

  • Parcheggi su strisce blu: gratis per tutti i residenti a partire dal 30 marzo

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Fallita l'azienda fiorentina CHL. Anticipò Amazon e fu pioniera dell'e-commerce

Torna su
FirenzeToday è in caricamento