Abbandonavano rifiuti anziché smaltirli: nei guai i titolari di una ditta

Elettrodomestici e mobili sulla statale: sotto indagine i responsabili

Lasciavano in strada i rifiuti speciali anziché smaltirli. Per questo i carabinieri di Radda in Chianti (Firenze) hanno denunciato, per abbandono incontrollato di rifiuti in concorso, i due titolari di una ditta specializzata nello smaltimento di rifiuti speciali. I militari - spiega una nota del comando Provinciale dei Carabinieri di Siena - erano soliti da tempo effettuare frequenti passaggi sulla strada provinciale 2 bis, all'altezza del km 6+600, punto ove ormai da tempo, i soliti ignoti erano soliti abbandonare rifiuti di ogni genere, deturpando l'ambiente del luogo.

Andando a curiosare fra i rifiuti, fra televisori, lavatrici ed altri elettrodomestici molto ingombranti, all'interno del cassetto di una vecchia credenza, i carabinieri hanno rinvenuto una cartolina diretta anni addietro a una signora di Radda. Partendo da quell'indizio, i pazienti investigatori sono risaliti ad una famiglia: quell'abbandono abusivo di elettrodomestici e mobilia era avvenuto solo il giorno prima, perché i militari si erano presi la briga di fotografare quotidianamente la montagnola di rifiuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I sospettati hanno potuto però esibire una fattura da tremila euro rilasciati dalla ditta fiorentina per il corretto smaltimento di quei rifiuti speciali. A quel punto è stato facile poter rivolgere ogni attenzione alla società specializzata in questi particolari smaltimenti, che avrebbe avuto l'obbligo di tutelare l'ambiente e che pubblicizza ampiamente tale finalità tra gli obbiettivi aziendali. Le persone denunciate dovranno ora trovare adeguate giustificazioni per potersi difendere dall'iniziativa penale della Procura della Repubblica di Siena. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mick Jagger si trasferisce a Firenze

  • Santa Maria Novella: ragazzina presa a schiaffi e rapinata alla fermata dalla tramvia

  • Scappano dal ristorante al mare senza pagare: 5 giovani fiorentini rintracciati e riportati a saldare il conto

  • Scosse di terremoto nel Fiorentino

  • Natalie Portman, lettera d'amore a Firenze: "La magia delle celle dei frati affrescate a San Marco, il gelato e..."

  • Rissa all'Isolotto: resa dei conti in strada

Torna su
FirenzeToday è in caricamento