Rifiuti: abbandono di materiali pericolosi in strada, due denunce

Un’operazione dei forestali di Sesto Fiorentino

immagine di repertorio

E’ stato colto sul fatto, dai forestali di Sesto Fiorentino, un conducente di un autocarro mentre riversava rifiuti pericolosi in strada. E’ successo ieri in località compresa tra via Lungo Gavine e via dell’Osmannoro, nel parco della Piana di Sesto Fiorentino.  

Per l’uomo, un italiano, e per il titolare della ditta per cui lavora (sempre italiano) è scattata una denuncia per il reato di abbandono di rifiuti speciali da parte di un’impresa. 

Alla richiesta dei militari, il conducente ha dichiarato che aveva avuto disposizioni di scaricare il materiale dal titolare della ditta per cui faceva l’autista, e che il carico di rifiuti speciali proveniva da un cantiere dell’impresa che stava lavorando a Impruneta.

I forestali hanno poi costatato che a Impruneta non era presente nessun cantiere e/o lavori edili autorizzati.

Poco dopo è arrivato sul posto il titolare della ditta, che ha sede a Sesto Fiorentino.

Alla luce di quanto riscontrato, i militari hanno proceduto al sequestro penale preventivo dell’autocarro e del materiale scaricato nonché di quello ancora presente nel cassone, per un quantitativo di circa cinquanta quintali di terre e rocce da scavo.
 

Sesto: rifiuti pericolosi abbandonati in strada

Potrebbe interessarti

  • L'Enigma del Mostro di Firenze in tv

  • Le mostre da non perdere quest'estate a Firenze

  • Tea tree oil, gli usi per la cura del corpo e della casa

  • Eventi da non perdere a luglio

I più letti della settimana

  • Disperso nel lago di Bilancino: ritrovato il corpo 

  • Carola Rackete: la Regione Toscana pensa ad un riconoscimento per la capitana della Sea Watch

  • Tragedia per un fiorentino in vacanza: muore in mare

  • Piazza dell'Isolotto: funerali del giovane Gabriele Vadalà / FOTO - VIDEO

  • Muore nell'ex ospedale in malora: "Una tragedia annunciata"

  • Sesso a pagamento: si cresce poco, cala il prezzo delle escort

Torna su
FirenzeToday è in caricamento