Restauro completato: dopo un secolo zampillano di nuovo le fontane alle Rampe del Poggi / FOTO

Recupero portato a termine in sette mesi e mezzo

Dopo quasi un secolo, sono tornate a zampillare da ieri pomeriggio le fontane, nelle vasche e nelle grotte, delle Rampe del Poggi, opera monumentale che collega porta San Niccolò e piazzale Michelangelo.

Il restauro è durato oltre 7 mesi, 225 giorni per la precisione, ed è stato interamente finanziato da Fondazione Cassa di Risparmio Firenze, per un ivestimento complessivo di 2,5 miioni di euro.

Nonostante la pioggia, che ha comportato il rinvio della festa collegata all'evento, molte le persone accorse per riaccensione dell'impianto, alla presenza del sindaco Dario Nardella e del presidente della Fondazione Cr Firenze Umberto Tombari.

Dal momento in cui è stato premuto il pulsante rosso, che dava il via simbolico allo scorrere dell'acqua, sono passati 10 minuti perché l'acqua, accompagnata dalle note dell'Inno alla gioia di Beethoven, uscisse dalla conchiglia posta alla sommità e raggiungesse le fontane ai lati della Torre di San Niccolò, coprendo un dislivello di 54 metri.

Manovra folle: in centro danneggiato un altro monumento

"E' grande la gioia di rivedere questo complesso architettonico e monumentale tornare a funzionare come 100 anni fa. E' una giornata indimenticabile e storica", ha commentato Nardella. "E' stato un intervento molto impegnativo, completato in soli sette mesi, grazie all'entusiasmo e alla competenza delle maestranza", ha aggiunto Tombari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi incidente a Ponte a Greve: traffico bloccato / FOTO

  • Scandalo parcheggi abusivi, raffica di arresti. In manette anche il capo dei controllori Sas

  • Giornata mondiale della pizza: ecco le pizzerie da provare a Firenze

  • I mercatini di gennaio a Firenze

  • Incidente a Novoli: traffico bloccato / FOTO 

  • Forza le ganasce e le lascia in mezzo alla piazza: "Non avevo i soldi"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento