Museo e Loggia del Bigallo: via a 30 mesi di restauri

Interventi da 1 milione di euro

La Loggia del Bigallo in piazza Duomo

Il Museo e la Loggia del Bigallo saranno ristrutturati grazie all’azienda fiorentina Real Media, sponsor tecnico dell’operazione. L’agenzia di pubblicità, che si occupa di maxi affissioni, si è aggiudicata la procedura ad evidenza pubblica per il restauro dell’immobile di proprietà dell’Asp Firenze Montedomini e sosterrà interamente i costi (poco più di 1 milione di euro), sfruttando in via esclusiva gli spazi pubblicitari su cantieri, ponteggi e recinzioni allestiti per l’esecuzione degli interventi. I lavori saranno effettuati da maestranze qualificate nominate da Real Media.

Nel dettaglio, il restauro (30 mesi di lavori previsti) interesserà tutte le facciate, le coperture e le finestre con vetrate decorate originali del palazzetto del Bigallo e anche l’altare di Antonio Noferi: un grande altare ligneo situato all’interno del museo, commissionato allo scultore nel 1515, al fine di ospitare il gruppo scultoreo in marmo della Madonna con il bambino affiancata da due angeli reggicandelabro scolpito da Alberto Arnoldi nel 1351.

L’altare venne decorato anche con la predella di Ridolfo Ghirlandaio che rappresenta tre scene indicative delle attività della Compagnia della Misericordia e del Bigallo, unitesi nel 1425: La morte di San Pietro Martire, La Madonna della Misericordia con la Natività e la Fuga in Egitto, Tobia e Tobiolo che sotterrano un morto davanti al Bigallo.

L’interno del Museo è da tempo oggetto di una riqualificazione e rivisitazione degli spazi che possa renderlo nuovamente e modernamente fruibile al pubblico. Nel 2013-2014 sono stati effettuati l’importante restauro dell’affresco della Madonna della Misericordia e dell’affresco staccato dei Capitani che consegnano i bambini alle madri.

Durante il restauro della Loggia del Bigallo saranno previste visite al cantiere per cittadini e studiosi, che potranno salire in sicurezza sui ponteggi per seguire da vicino le operazioni di restauro alla presenza della Direzione dei lavori e dei restauratori. Le visite, a cui saranno dedicati due giorni al mese, si terranno a gruppi di 15 persone circa e avranno la durata di 20 minuti. Sarà possibile fare le visite prenotandosi. Come prenotare verrà comunicato in seguito, le visite saranno possibili, infatti, tra un anno circa con l’avvio della seconda fase dei lavori.

“Collaborazioni come questa tra Real Media e l’azienda dei servizi alla persona Montedomini sono esempi eccellenti in cui il recupero della bellezza culturale e la grande solidarietà del nostro territorio viaggiano insieme dando risposte importanti per la città e la sua comunità”, ha commentato questa mattina l'assessore al sociale Sara Funaro, presentando il progetto di restauro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi incidente a Ponte a Greve: traffico bloccato / FOTO

  • Tentati furti in casa: attenti alle fascette di plastica 

  • Giornata mondiale della pizza: ecco le pizzerie da provare a Firenze

  • Palazzo Vecchio: nuovi concorsi per posti di lavoro a tempo indeterminato in Comune

  • Mette in scena il suo funerale con tanto di carro d'epoca e corteo funebre

  • Incidente a Novoli: traffico bloccato / FOTO 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento