Colonna del Corridoio Vasariano danneggiata: finito il restauro / FOTO

Un camion ci era andato a sbattere facendo un'inversione di marcia

I lavori, iniziati nel corso di gennaio e durati tre settimane, sono terminati ed il pilastro da oggi è di nuovo visibile, rendono noto le Gallerie degli Uffizi in un comunicato. 

"Il restauro del pilone danneggiato è consistito nel consolidamento della struttura muraria interna di laterizio e pietra e nel ripristino del suo aspetto estetico", ha spiegato il curatore del patrimonio architettonico delle Gallerie degli Uffizi, Antonio Godoli. 

Nell'ambito dell'intervento sono state tra l'altro sostituite due delle lastre in pietra serena a copertura del pilone: quelle precedenti, risalenti all'Ottocento, sono andate distrutte nel danneggiamento ed al loro posto ne sono state realizzate altre con pietra serena estratta dalla stessa vena, sui colli di Firenze, dalla quale il progettista degli Uffizi Giorgio Vasari, trasse il materiale per costruire le lastre nel Cinquecento, quando fu edificato il Corridoio. 

L'autista del camion, dipendente di una ditta di Caserta, fu individuato e sanzionato lo stesso 27 dicembre dagli agenti della polizia municipale fiorentina per svariate violazioni del codice stradale. 

In aggiunta, il direttore Eike Schmidt, si legge sempre nel comunicato delle Gallerie, ha presentato in merito alla vicenda una denuncia ai Carabinieri per danneggiamento nei confronti del patrimonio architettonico secondo quanto previsto dal Codice dei Beni culturali. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fratelli morti in hotel, l'autopsia: arresto cardiorespiratorio da intossicazione di stupefacenti

  • Fatture false: condannati i genitori di Matteo Renzi / VIDEO

  • Sylvie Lubamba: “Sono in crisi, ho chiesto il reddito di cittadinanza" 

  • 'Miss Nonna Italiana 2019': premiata anche una fiorentina

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Parcheggi sulle strisce blu: “Dal 2020 gratis per i residenti in tutte le Zcs”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento