Novoli: i residenti del quartiere si lamentano della prostituzione

Le lamentele dei cittadini del quartiere 5 sfociano nel blog Vivere Novoli. La paura più grossa sembra quella dell'immobilismo

Cento luoghi per Firenze, se ne parla spesso. Anche ieri durante lo sciopero. A fine settembre Palazzo Vecchio farà il punto della situazione, una specie di convention cittadina sugli obbiettivi raggiunti, quelli in fase di attuazione e quelli rimasti indietro. A Novoli l’attuale amministrazione dedicò 27 punti: dall’ex Meccanotessile, all’area Castello, palazzo di giustizia per esempio. Qualcosa comincia a prendere forma, altre sono in dirittura di arrivo, ma ci sono e permangono molte delle carenze che hanno storicamente afflitto la zona. Così i residenti non hanno aspettato la fine del mese per sfogarsi ed hanno rimarcato ancora una volta, attraverso il blog Vivere Novoli (attivo nel quartiere da un paio di anni) le carenze dell’area ed hanno espresso tutto il loro dissenso.
“Abbiamo preferito il silenzio durante tutta l'estate. Al ritorno dalle vacanze tutto è normale: le prostitute sono al loro posto, qualche piccolo furto non manca come non mancano atti di vandalismo. La tramvia non è partita e dal Comune non sono arrivati segnali di cambiamento. Ancora niente giochi per bambini in San Donato, niente semaforo in Viale Guidoni, e nessuna notizia sugli spazi promessi dentro il Centro multifunzionale”. Così comincia il post intitolati “Siamo pronti? Via”.

Certo Novoli è un quartiere difficile: tante le realtà fuse tra i “casermoni” residenziali, con il rionale mischiato con il multietnico (e non sempre questo matrimonio è idilliaco), con il traffico assordante e continuo, dai mille volti difficili, da situazioni al limite, da parchi verdi dove il vino scorre a fiumi, dai pochissimi centri di ritrovo, piazze, e da quel po’ di scoramento che sta assalendo chi ci abita. Tra i residenti c’è la percezione che la politica se ne occupi attraverso grandi temi senza riuscire a percepire le vere criticità quotidiane. C’è in parte un senso di abbandono. In parte, perché poi il post va avanti è si sofferma sulle certezze: “l'apertura di Virgin Active, dei cinema (5 sale Viola), di una libreria Mondadori, e di una In Coop; in sostanza l'apertura del Multiplex. La seconda metà di novembre l'inaugurazione, il 17 di Virgin il 18 di Space”. Ma sembra proprio che il Multiplex non possa davvero bastare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggio e uova richiamati per rischio contaminazione

  • Lavaggi in lavatrice senza sapone con le "sfere magiche": ecco la novità | FOTO

  • Incidente in via Nardi: scooter travolto da auto, 22enne gravissima

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Gavinana: senzatetto morta nei giardini / FOTO

  • Parcheggi su strisce blu: gratis per tutti i residenti a partire dal 30 marzo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento