Oltrarno, protesta contro i mammut: bus deviati, i residenti sfilano sulle strisce | FOTO

Cartelli dei residenti contro le scelte dell'amministrazione comunale che, da un lato punta alla pedonalizzazione di piazza Pitti, dall'altro permette ai turisti di 'girellare' a bordo di colossi a più piani

Oltrarno infuocato contro bus mammut, smog e vibrazioni. Cartelli contro le scelte dell’amministrazione comunale che, da un lato punta alla pedonalizzazione di piazza Pitti, dall’altro permette ai turisti di ‘girellare’ a bordo di colossi a più piani nelle strade come via Romana e via dei Serragli. Nel pomeriggio una cinquantina di residenti, molti dei quali organizzati in comitati cittadini, hanno protestato contro quella che hanno definito un’autostrada per le caravelle che portano i turisti all’ombra del Cupolone. All’ingolfamento dell’arteria di comunicazione si aggiungono anche lo smog e le vibrazioni. Oltre ai limiti di  velocità che, affermano io residenti, nessuno rispetterebbe.

Il piano dei residenti, armati di cartelli, gigantografie e fischietti, era simulare il blocco di un bus turistico in piazza San Felice. Ma dopo alcune decine di minuti dall’inizio della manifestazione, tutto era fermo. Poco dopo si è scoperto che l’accesso, lungo via Romana, era stato ridotto al minimo.
La reazione dei residenti è stata quella di partire alla volta di Porta Romana arrivando all’altezza della porta telematica. Una volta arrivati, sentendo che la deviazione di bus e traffico avrebbe sfatto sgonfiare l’effetto protesta, hanno deciso di sfilare sulle strisce pedonali. Una passerella davanti alle auto, un su e giù che ha però avuto il merito lasciar esporre i motivi di dissenso.

La signora arrabbiata vuole il nuovo assessore (VIDEO)

Le motivazioni della protesta (VIDEO)

L'amministrazione non riceve i comitati (VIDEO)

Tra loro anche un architetto, Silvia Angotti, che ha dato dei ragguagli tecnici sul perché i bus non debbano passare di là. “Qui c’è un problema d’urbanistica, la pedonalizzazione non si può fare solo in un parte e insistere sulle altre strade. Noi – spiega l’esperta nonché militante del comitato di via Romana – chiediamo che i bus costeggino le mura e lascino i turisti nei punti d’accesso come Porta Romana e piazza Tasso. Da lì poi possono andare a piedi o con i bussini elettrici”. E ancora: “Inoltre qui abbiamo anche paura. Con tutte le vibrazioni che ci sono con questi bestioni che passano quando l’altro giorno c’è stato il terremoto non ci siamo accorti di nulla”.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

  • Marina di Castagneto: fiorentino muore dopo un bagno

  • Entra in funzione 'PagoPA', addio verbale rosa sull'auto: come cambiano le multe

  • Emergenza coronavirus non impatta sul mattone: Firenze città più cara d'Italia

  • Coronavirus, dipendenti senza mascherina: chiuso e multato un supermercato

Torna su
FirenzeToday è in caricamento