Prostituzione: stop all'ordinanza che multava i clienti

Era entrata in vigore a settembre e prevedeva multe e carcere fino a 3 mesi: in sei mesi 27 clienti denunciati

E' 'scaduta' ufficialmente oggi l'ordinanza anti prostituzione emessa dal sindaco di Firenze Dario Nardella ed in vigore dallo scorso 15 settembre.

L'ordinanza, motivata dal sindaco come un provvedimento mirato a contrastare la tratta e la violenza contro le donne sfruttate, prevedeva per i clienti sorpresi assieme ad una prostituta o nell'atto di contrattare una prestazione sessuale multe fino a 206 euro e carcere fino a 3 mesi.

Il provvedimento aveva una validità di sei mesi, ed è quindi di fatto decaduto, come confermato questa mattina da Palazzo Vecchio.

L'ordinanza aveva suscitato anche polemiche e critiche. Le opposizioni di sinistra in consiglio comunale, per esempio, assieme ad alcune operatrici delle unità di strada, lo avevano bollato come uno strumento inefficace, che avrebbe solo spostato le prostitute in periferie ancora più estreme e più isolate, con tutti i rischi del caso, della città. Altri hanno fatto notare come oggi il fenomeno della prostituzione sia diffuso soprattutto on line.

Il sindaco ha invece sempre difeso con forza il provvedimento, rivendicando più volte la diminuzione del fenomeno della prostituzione in strada nei quartieri periferici fiorentini come conseguenza diretta dell'ordinanza. Da Nardella erano anche più volte arrivati inviti ai comuni limitrofi (e ai sindaci di tutta Italia) ad adottare provvedimenti simili.

“Parliamo di ragazze giovanissime sbattute in strada e di fatto violentate, per 10 o 20 euro. L'ordinanza rende più difficile la vita alla mafie. Non è una soluzione definitiva, per la quale servono norme nazionali, ma è un modo per fare la nostra parte contro quella che è una quotidiana violenza che avviene sulle nostre strade. E grazie ad essa la prostituzione in strada è dimezzata”, affermò per esempio Nardella lo scorso dicembre ad un'iniziativa contro la tratta di esseri umani.

Nei prossimi giorni il sindaco dovrebbe convocare una conferenza stampa dove saranno illustrati i risultati ottenuti in questi sei mesi, nei quali sono stati denunciati 27 clienti, l'ultimo dei quali lo scorso sabato 10 marzo. Il primo cittadino non ha invece ancora comunicato se intende replicare l'ordinanza oppure no.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fratelli morti in hotel, l'autopsia: arresto cardiorespiratorio da intossicazione di stupefacenti

  • Stazione di Rifredi: ragazza muore investita dal treno / FOTO

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Vedere Richard Gere a Firenze: ecco come fare 

  • Carceri: sesso per i detenuti, chiesto intervento della Regione  

  • Fiorentina, Nardella: “Nuovo stadio a Campi? Mi opporrò con tutte le forze”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento