Sesto Fiorentino: non ci fu dolo nell’incendio del campo rom

Lo scorso capodanno ci fu un rogo in un capannone all'interno di un campo rom di Sesto Fiorentino adesso la Procura ha stabilito che non ci fu dolo, possibile l'archiviazione del caso

Per la Procura “non c’è dolo” nell’incendio del capannone di Quaracchi. A capodanno, nella notte del 31 dicembre, un rogo divampò all’interno del campo di Sesto Fiorentino, polverizzando il riparo di fortuna di alcune famiglie di etnia rom.
Adesso la Procura dopo aver aperto un’inchiesta ha stabilito la mancanza di volontarietà nell’appiccare le fiamme, bensì che si tratti di una situazione mal gestita come un probabile incendio domestico. Una donna disse d’aver visto tre persone allontanarsi ma il sostituto procuratore potrebbe chiedere l’archiviazione del caso, etichettato come incendio colposo. Non ci furono feriti tra le famiglie che occupavano l’edificio.
Nei giorni antecedenti al 31 dicembre proprio il campo rom fu al centro dell’attenzione per la necessità di sgombero del sito, per cui alcune associazioni protestarono.
 

Potrebbe interessarti

  • L'Enigma del Mostro di Firenze in tv

  • Le mostre da non perdere quest'estate a Firenze

  • Tea tree oil, gli usi per la cura del corpo e della casa

  • Eventi da non perdere a luglio

I più letti della settimana

  • Tragedia per un fiorentino in vacanza: muore in mare

  • Ragazza muore travolta dal treno 

  • Muore nell'ex ospedale in malora: "Una tragedia annunciata"

  • Outlet di Barberino del Mugello, cambia la proprietà

  • Da Renzi a Carlo Conti: tutti pazzi per Face App, il trucco per invecchiare

  • Sesso a pagamento: si cresce poco, cala il prezzo delle escort

Torna su
FirenzeToday è in caricamento