Prete arrestato per abusi su bambina: niente carcere

La decisione del gip: resta agli arresti domiciliari

Don Paolo Glaentzer, il parroco 70enne arrestato lunedì con l'accusa di violenza sessuale aggravata su una bambina di 10 anni, non andrà in carcere ma resterà agli arresti domiciliari.

A disporlo è stato il gip di Prato, respingendo la richiesta della Procura che chiedeva la reclusione in cella e accogliendo invece la domanda della difesa.

L'uomo, immediatamente sospeso dall'arcivescovo di Firenze Giuseppe Betori, è accusato di aver abusato della bimba in un'auto parcheggiata nella zona di Calenzano, dopo essere stato sorpreso da un testimone, che ha raccontato: "Ho visto la bambina con i pantaloni abbassati e ho chiamato i carabinieri".

Giovedì, nel corso dell'udienza di convalida dell'arresto, il sacerdote ha risposto alle domande del giudice e del pm e, da quanto appreso, avrebbe ammesso di essersi appartato con la bambina e che non era la prima volta che accadeva.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Elezioni comunali 2019

    Elezioni, Nardella chiude la campagna elettorale: “Vinceremo domenica per i nostri figli e per l'Italia” / FOTO

  • Elezioni comunali 2019

    Elezioni, Bocci chiude in piazza Strozzi: "Sicuri del ballottaggio, Nardella non vincerà" / FOTO

  • Elezioni comunali 2019

    Elezioni, la Bundu chiude nel fortino rosso di Santo Spirito: “Con me una Firenze aperta, inclusiva e vivibile” / FOTO

  • Incidenti stradali

    Incidente stradale a Empoli, auto contro scooter: morto 22enne

I più letti della settimana

  • Blitz dei Nas in ristorante giapponese: anomalie nell'abbattimento del pesce

  • Incidente stradale, auto fuori strada: morto un giovane di 26 anni

  • Elezioni comunali Firenze 2019: come si vota

  • Autostrada A1: auto in fiamme in galleria, tratto chiuso e poi riaperto. Lunghe code

  • Incidente a Campi Bisenzio, sbaglia marcia e sfonda la vetrata del supermercato / FOTO

  • Arriva Matteo Salvini: annunciata contestazione

Torna su
FirenzeToday è in caricamento