Pratolino: trovate pistole con matricole abrase, caschi neri e cellulari. Due arresti

Tutto il materiale sequestrato era nascosto in un garage

Due uomini sono stai arrestati ieri dalla squadra mobile di Firenze per detenzione illegale di armi. I due, un 65enne originario di Palermo e un 50enne di origine calabresi, nascondevano una pistola semiautomatica calibro 22 in un fondo a Pratolino, poco fuori Firenze.

Le perquisizioni sono scattate ieri dopo un periodo di indagini, condotte dal vice questore aggiunto Antonio Nori. I due uomini a Pratolino sono noti come muratori, ed il fondo dove è stata ritrovata la pistola, avvolta in un calzino dentro un cassetto, è in teoria adibito proprio a magazzino degli attrezzi.

Oltre alla calibro 22 è stata ritrovata anche una pistola scacciacani (entrambe le pistole con le matricole abrase) con una cinquantina di colpi a salve, alcuni caschi da moto integrali neri e quattro telefoni cellulari.

Il 65enne è già noto alle forze dell'ordine per reati di droga e furti, commessi principalmente negli anni '80 e '90. Il 50enne è invece incensurato. I due sono stati arrestati e portati a Sollicciano, in attesa della convalida dell'arresto da parte del gip. La polizia indaga, anche considerando il materiale ritrovato, se le due persone possano essere stati responsabili di episodi criminosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Via Baracca: vinti 500mila euro con un "Gratta e Vinci"

  • Coronavirus: anche in Toscana nuove misure per chi torna dalla Cina

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Lavoro: concorso per 84 assunzioni in Regione Toscana

  • Donna morta in hotel: "gioco erotico finito male", indagato il compagno

  • Coronavirus, mistero sulla comitiva "fantasma" rientrata a Firenze dalla Cina

Torna su
FirenzeToday è in caricamento