Piscina San Marcellino, intonaco cade dal soffitto: “Chiudete l'impianto, è pericoloso” / FOTO

Intervenuti i vigili del fuoco, i genitori degli atleti denunciano: “Condizioni fatiscenti da anni”

Lunedì scorso, 9 aprile, pezzi di intonaco si sono staccati dal soffitto della piscina San Marcellino, impianto pubblico, in mano al Comune, sito in via Chiantigiana. I detriti sono caduti sulle tribune, dove in quel momento non sedeva alcuna persona.

Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco, che hanno transennato alcune parti delle tribune. Nuove verifiche sono state effettuate ieri. Sarebbero intervenuti anche alcuni tecnici comunali: parte delle tribune sono chiuse dal nastro adesivo, l'impianto resta comunque aperto.

“La piscina deve essere chiusa, è pericolosa”, chiedono però i genitori degli atleti della Nuoto Life Style, che da tempo denunciano come continui a piovere all'interno dell'impianto. Genitori che nelle scorse settimane hanno inviato una lettera ad Asl, Nas e uffici di Palazzo Vecchio per denunciare le “condizioni fatiscenti” dell'impianto.

Nel consiglio comunale di lunedì 26 marzo, tirato in ballo dai question time di Tommaso Grassi (Firenze riparte a sinistra) e Francesco Torselli (Fratelli d'Italia) l'assessore allo sport Andrea Vannucci aveva risposto: “Stiamo monitorando la situazione, valuteremo il da farsi”.

“La piscina deve essere chiusa, per ragioni di sicurezza”, chiede però Massimo Petrini, padre di un'atleta e tra i firmatari della lettera. L'impianto, tra l'altro, è già stato chiuso in passato già chiuso per casi di legionella.

Sul caso sono nuovamente intervenute anche le opposizioni in consiglio comunale. “La situazione è sempre più preoccupante. Dopo le sentenze che hanno fortemente limitato l'attività agonistica, dopo le segnalazioni sulla cattiva manutenzione, con infiltrazioni di acqua piovana dal tetto, fino alla scoperta della legionella nel sistema di aerazione, ora scopriamo che parte dell’intonaco è crollato. Illesi utenti e istruttori, per fortuna. Ma fino a quando potremo contare sulla fortuna?”, chiedono Grassi e Torselli insieme a Silvia Noferi (5 Stelle), Cristina Scaletti (La Firenze Viva), Alessio Rossi (Mdp Articolo 1), Miriam Amato (Potere al Popolo).

“I genitori segnalano da due anni lo stato di degrado dei locali e degli impianti ma l’assessore allo sport Vannucci dice che è tutto sotto controllo. Dati evidenti dimostrano che la situazione è insostenibile. Chiediamo un intervento urgente per il ripristino delle condizioni minime di sicurezza e igiene dell’impianto”, concludono i consiglieri.

La piscina di San Marcellino, tra le altre cose, è al centro di “piscinopoli”, l'inchiesta nell'ambito della quale è stato rinviato a giudizio, tra gli altri, l'assessore Vannucci. La vicenda ruota attorno all'assegnazione della gestione, tra il 2013 e il 2015, sia della piscina di San Marcellino che dell'impianto Paganelli di Novoli. Per l'accusa ci sarebbero state irregolarità per pilotare i bandi di gara.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

  • Marina di Castagneto: fiorentino muore dopo un bagno

  • Entra in funzione 'PagoPA', addio verbale rosa sull'auto: come cambiano le multe

  • Emergenza coronavirus non impatta sul mattone: Firenze città più cara d'Italia

  • Coronavirus, dipendenti senza mascherina: chiuso e multato un supermercato

Torna su
FirenzeToday è in caricamento