Piazza della Vittoria: confermato il taglio di tutti i pini / FOTO

Dopo le proteste Palazzo Vecchio tira dritto: "Ne saranno ripiantati di più, già modificato il progetto per andare incontro ai cittadini"

Piazza della Vittoria in una foto scattata a fine maggio 2019

Confermata da parte di Palazzo Vecchio la risistemazione di piazza della Vittoria secondo il progetto che prevede l'abbattimento di tutti i pini, oltre 40, presenti oggi nella piazza.

Una decisione contro la quale si battono da tempo comitati e residenti della zona che, anche se il Comune ha annunciato che i pini ripiantati saranno 68, oltre venti in più a quelli presenti a tutt'oggi nella piazza, si oppongono e promettono di contrastare con ogni mezzo un taglio che a loro modo di vedere non è giustificato perché le piante, assicurano, non sono a rischio cedimento.

“Saranno piantati 68 nuovi pini, inseriti in un progetto complessivo di riqualificazione di pregio con un investimento di mezzo milione di euro”, conferma oggi l'assessora all'ambiente Cecilia Del Re.

“I nuovi pini - spiega Del Re - saranno piantati in ottobre e saranno di dimensioni superiori a quelle standard utilizzate altrove: avranno infatti al momento della piantumazione già un'altezza di 4-5 metri. Il progetto garantisce il corretto sviluppo vegetativo”, assicura Del Re.

Previsti tra le altre cose il consolidamento dei percorsi pedonali, il potenziamento dell’illuminazione, nuove panchine e wifi. “Sarà installato anche un bagno pubblico e, in collaborazione con il Liceo Dante, sarà prevista un’area-gazebo dedicata agli studenti e alle loro espressioni artistiche e musicali”, aggiunge l'assessora.

A giorni dovrebbero essere abbattuti i primi 6 pini. Poi tutti gli altri 36 ancora presenti nella piazza. Per quanto riguarda i primi 6 Palazzo Vecchio oggi ha riconfermato che si tratta di alberi in classe D, dunque con alta propensione al cedimento e che necessitano l'abbattimento immediato. Gli altri - per i quali Palazzo Vecchio nella nota diffusa oggi non ha specificato la classe di rischio – saranno abbattuti nelle prossime settimane.

Alcuni comitati, come l'Associazione piazza della Vittoria, contestano però la decisione e chiedono che i pini siano tagliati gradualmente, nel corso degli anni, per consentire la progressiva ricrescita degli alberi.

“Vengono tagliati - hanno detto alcuni attivisti nell'ultimo presidio -, perché non funzionali al disegno della nuova piazza, e non perché malati o a rischio e questo è inaccettabile”. E per domani mattina, martedì, alle 10, l'associazione ha annunciato un nuovo presidio in piazza.

“Per andare incontro ad alcune richieste è stato modificato il progetto iniziale, che prevedeva la sostituzione dei pini con alberi di diverse specie, più resistenti. Nel progetto modificato (entrambi hanno avuto autorizzazione paesaggistica e parere favorevole vincolante della Soprintendenza, ndr), è stato previsto allora di sostituire i pini esistenti con altri pini, proprio per accogliere le richieste dei cittadini”, taglia corto Del Re.

Gli aderenti all'associazione assicurano che faranno di tutto per non farli tagliare, staremo a vedere.

La protesta: "Non ve li faremo tagliare"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in appartamento in piazza Indipendenza, strade chiuse e caos traffico / FOTO

  • Firenze Rocks 2020: fan in fermento per la quarta edizione

  • Incidente sull'autostrada A1: feriti e code per chilometri

  • Versilia: fiorentina muore durante una gita in montagna

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Scandicci: tubo rotto, allagamento in strada/ FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento