Omicidio-suicidio: 25enne rapisce la ex fidanzata a Prato e poi la uccide

I corpi sono stati trovati in un'auto parcheggiata a San Miniato, provincia di Pisa, dove il 25enne viveva

Federico Zini e Elisa Amato (Facebook Elisa Amato)

Una storia tragica iniziata ieri sera, venerdì 26 maggio, quando Federico Zini, 25 anni, ha sequestrato l'ex fidanzata, Elisa Amato di 30 anni, davanti all'abitazione di quest'ultima a Prato. I corpi dei due sono stati ritrovati questa mattina, alle 9:00 circa, in un'auto parcheggiata in provincia di Pisa, a San Minato.

Secondo le prime segnalazioni l'uomo, calciatore del Tuttocuoio, società di Ponte a Egola (Pi), da San Miniato si sarebbe diretto a Prato alle tre di notte, lì avrebbe aspettato la donna per poi salire sulla macchina del padre di lei e tornare a San Miniato.

Alcuni testimoni hanno segnalato ai carabinieiri che sarebbe avvenuto un litigio in quell'orario e in quella zona; altri testimoni affermano di aver sentito due spari. I militari di Prato, arrivati sul posto, non hanno però trovato nessuno, solo l'auto abbandonata di Zini: le ricerche si sono concluse a San Miniato con il ritrovamento dei due corpi senza vita. Ancora non è chiaro quando il 25enne abbia sparato a Elisa. La pistola con la quale ha uccisio e con cui si è suicidato era in suo possesso legalmente (da qualche mese era in possesso del porto d'armi per uso sportivo).

Chi erano Elisa e Federico

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto Firenze: la terra trema in città

  • Terremoto: la terra trema nel Fiorentino

  • Maltempo: rischio nevicate in città

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Terremoto Firenze: danni in Mugello, oltre 200 cittadini fuori casa

  • Terremoto in Mugello, al lavoro per identificare la faglia: "Sciame sismico prosegue"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento