Offende la polizia municipale su Facebook: rischia maxi multa e fino a 3 anni di carcere

L'uomo individuato e denunciato per diffamazione e oltraggio

Polizia municipale (foto d'archivio)

Ha offeso la polizia municipale su Facebook dopo aver preso una multa, utilizzando un profilo 'fake', falso. Gli agenti del reparto anticrimine di Firenze sono però riusciti a risalire alla sua vera identità e a denunciarlo per diffamazione e oltraggio.

La vicenda è iniziata a febbraio scorso, quando su un profilo Facebook sono comparsi commenti offensivi contro i “Vigili Urbani di Firenze”. Gli agenti dell'anticrimine si sono quindi messi al lavoro su Facebook. Dal post e dai commenti degli amici hanno individuato l’elemento scatenante, una multa elevata dai vigili in una strada del centro.

Nonostante l'utilizzo di un nome falso, l'autore del post è stato individuato: si tratta di un 65enne residente a Prato. L'uomo è stato convocato per due volte (la prima non si era presentato) presso il Comando fiorentino di Porta a Prato.

Il 65enne ha confermato di essere il titolare del profilo fake dal quale sono partiti i commenti offensivi e ha riconosciuto la foto del profilo come sua, confermando anche la multa ricevuta.

Per l'uomo sono scattate le denunce per diffamazione (rischia fino a due anni di reclusione e una multa da 2.065 euro) e per oltraggio (reato punibile con la reclusione fino a tre anni di carcere).

Potrebbe interessarti

  • L'Enigma del Mostro di Firenze in tv

  • Le mostre da non perdere quest'estate a Firenze

  • Tea tree oil, gli usi per la cura del corpo e della casa

  • Permesso temporaneo per entrare nell'area ZTL

I più letti della settimana

  • Ragazza muore travolta dal treno 

  • Tragedia per un fiorentino in vacanza: muore in mare

  • Muore nell'ex ospedale in malora: "Una tragedia annunciata"

  • Outlet di Barberino del Mugello, cambia la proprietà

  • Sesso a pagamento: si cresce poco, cala il prezzo delle escort

  • Da Renzi a Carlo Conti: tutti pazzi per Face App, il trucco per invecchiare

Torna su
FirenzeToday è in caricamento