Le Mulina: "Mega mercato a Peretola per gli imprenditori indagati" | FOTO

La denuncia di Donzelli e Torselli (Fdi): "Dal Comune cambio di destinazione per 3mila metri: Nardella e Lotti chiariscano i rapporti"

"L'amministrazione comunale di Firenze, nello scorso novembre, ha autorizzato le stesse persone protagoniste dell'affidamento fantasma dell'ippodromo Le Mulina, oggi indagate dalla Procura di Firenze, a realizzare nella zona di Peretola un mega-mercato alimentare con somministrazione". E' quanto affermano i capigruppo di Fratelli d'Italia in Comune di Firenze e Regione Toscana Francesco Torselli e Giovanni Donzelli, che questa mattina hanno effettuato un sopralluogo con i giornalisti al capannone di quasi tremila metri quadri in via Ferrarin.

"L'operazione è andata in porto per mano della società Flo Srl, i cui soci di maggioranza sono Lorenzo Zheng e Oliviero Fani, entrambi ex soci dello zio di Matteo Renzi Stefano Bovoli - sottolineano Torselli e Donzelli - ed è stata autorizzata dal Comune il 18 novembre 2016, un anno dopo che lo scandalo Mulina balzasse alle cronache. Chiediamo al sindaco perché, dopo che tutti erano a conoscenza delle pressioni che c'erano state nell'operazione Le Mulina e dopo che la stessa amministrazione aveva chiesto la revoca dell'affidamento, si è affidata sotto silenzio questa operazione alle stesse persone. Nardella e Lotti, che vengono tirati in ballo nelle dichiarazioni degli imprenditori coinvolti nella vicenda dell'ippodromo, chiariscano quali siano i rapporti con gli indagati".

"La società Flo ha preso l'immobile in locazione dalla società Gramignano Srl, proprietaria dell'immobile - spiegano i due esponenti di Fratelli d'Italia - ed ha versato nelle casse del Comune 2.500 euro a titolo di risarcimento per la revoca di un PUE (piano urbanistico esecutivo) approvato nel 2008 e mai rispettato, che prevedeva in quell'area la realizzazione di tutt'altre attività. L'amministrazione, nella delibera approvata nel marzo 2014, ha invece di fatto autorizzato, incassando una cifra che appare irrisoria, un cambio di destinazione d'uso a commerciale al dettaglio e somministrazione. Questa è l'ennesima pagina che parla di manovre opache in questa città - concludono Torselli e Donzelli - siamo stufi di una sinistra che strizza l'occhio agli amici degli amici ignara degli interessi dei cittadini". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi incidente a Ponte a Greve: traffico bloccato / FOTO

  • Tentati furti in casa: attenti alle fascette di plastica 

  • Giornata mondiale della pizza: ecco le pizzerie da provare a Firenze

  • Scandalo parcheggi abusivi, raffica di arresti. In manette anche il capo dei controllori Sas

  • Palazzo Vecchio: nuovi concorsi per posti di lavoro a tempo indeterminato in Comune

  • Mette in scena il suo funerale con tanto di carro d'epoca e corteo funebre

Torna su
FirenzeToday è in caricamento